Annunci diretti del governo: le ultime informazioni su Omigron, test e vaccini

debito…John Minzillo / Associated Press

Il virus Covit-19 si sta diffondendo nei rifugi per senzatetto di New York City, spingendo alcuni a chiedere al sindaco della città di trasferire le persone negli hotel per arginare la rapida diffusione della variazione di Omigra dal sovraffollamento.

Giovedì, dei 46.000 residenti nel sistema di accoglienza principale, 187 nuovi casi sono stati segnalati nell’ultima settimana, più del doppio degli 82 della settimana precedente e quattro volte dei 36 casi segnalati nell’ultima settimana di novembre.

La città non ha detto quanti di quei 187 casi si trovavano in dormitori “congiunti”, che ospitano 12.000 persone di età superiore ai 20 anni che dormono in una stanza.

Ma l’operatore di uno di questi rifugi ha detto giovedì che negli ultimi giorni, il 14 o il 7% dei 200 residenti è risultato positivo e che la maggior parte dei residenti non è stata testata nelle ultime due settimane. L’operatore ha detto che almeno quattro lavoratori del rifugio, circa 40 in tutto, sono risultati positivi e l’operatore, che ha parlato in modo anonimo, ha affermato che la città vietava ai rifugi di parlare con i giornalisti senza permesso.

Se il 7% della popolazione che vive nei dormitori avesse il virus corona, sarebbero più di 800 persone, che è più dell’attuale isolamento e delle stanze isolate del sistema dei dormitori. Finora sono stati segnalati 187 nuovi casi in città, meno dell’1 per cento della popolazione totale dei rifugi.

READ  40 La migliore carta adesiva per frigorifero del 2022 - Non acquistare una carta adesiva per frigorifero finché non leggi QUESTO!

La Coalizione per i senzatetto, un gruppo di avvocati, ha esortato il sindaco Bill de Blasio a trasferire le persone dai loro dormitori negli hotel, dove la città li ha tenuti durante le prime ondate dell’epidemia per impedire la diffusione del virus.

Il controllore eletto della città, Brad Lander, ha affermato che la città “stava venendo meno” al suo obbligo legale e morale di fornire uno spazio sicuro alle persone che lottano “tenendo migliaia di persone in rifugi” dove non potevano essere adeguatamente isolate. Riscaldati e dormi”.

Ma ha detto che non c’era nessun piano in città per convertire le persone in massa in hotel. ha detto Di Blasio. “Ciò che vediamo finora a Omigran: un serio sconvolgimento ma un impatto minore, e speriamo che sarà di breve durata”, ha detto mercoledì. “Quindi non è consigliabile fare le cose come abbiamo fatto l’anno scorso”.

Ha aggiunto: “Più persone sono state vaccinate rispetto a noi quando abbiamo affrontato le sfide l’anno scorso”.

Secondo il Dipartimento dei servizi abitativi, almeno 11.000 dei 20.000 residenti nei rifugi sono stati vaccinati direttamente attraverso il sistema di accoglienza e un gran numero di persone sconosciute ma grandi sono state vaccinate altrove.

A partire da martedì, c’erano circa 70 letti vuoti nelle unità isolate nel sistema di accoglienza, dove le persone sono state inviate dopo un test positivo o dopo aver mostrato segni di copertura, e c’erano circa 130 letti nelle stanze isolate, ha detto Isaac McKinn. , portavoce dei servizi per i senzatetto. Generalmente, se qualcuno in un dormitorio affollato ha un test positivo, coloro che dormono vicino a lui verranno mandati in isolamento. “Il dipartimento è pronto a portare letti supplementari in attesa di ulteriori requisiti”, ha affermato. ha detto McKinn.

READ  "Esplosione" nella raffineria di petrolio ExxonMobil a Beethoven, in Texas, ferisce molti

Mercoledì, Housing Works, un’organizzazione no-profit che gestisce l’isolamento e la segregazione della maggior parte del sistema di alloggio, ha rifiutato di fornire servizi medici nel nuovo hotel segregato utilizzato dalla città perché la città ha insistito per tenerne due nella stessa stanza segregata. Charles King, amministratore delegato, Housing Works.

Alison Kipney, una residente del Queens, un rifugio per donne a College Point, ha detto che tre donne che conosceva erano risultate positive nei giorni scorsi.

“È un sogno che si avvera”, ha detto la Kipney. “Ci sono 15 donne in una stanza. Devo dormire con una maschera. Ecco perché non indosso una doppia maschera”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.