Bennett dice che Israele cercherà di mediare sull’Ucraina anche se le prospettive sono scarse

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett partecipa a una riunione di gabinetto presso l’ufficio del primo ministro a Gerusalemme, il 27 febbraio 2022. Abir Sultan / Pool via REUTERS

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

GERUSALEMME, 6 marzo (Reuters) – Israele continuerà a cercare di mediare tra Russia e Ucraina anche se il successo sembra improbabile, ha affermato domenica il primo ministro Naftali Bennett dopo essere tornato dai colloqui a sorpresa con il presidente russo Vladimir Putin.

L’Ucraina ha chiesto a Israele di fungere da intermediario, citando le buone relazioni del governo Bennett con Kiev e Mosca. L’ufficio di Bennett ha detto di aver parlato tre volte durante il fine settimana con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy.

Nelle osservazioni televisive al suo gabinetto, Bennett non ha fornito dettagli sul suo incontro di tre ore al Cremlino con Putin sabato, dicendo solo che aveva “la benedizione e l’incoraggiamento di tutte le parti” – un’allusione agli Stati Uniti, tra le altre potenze. Bennett e Putin hanno discusso telefonicamente l’idea di mediazione la scorsa settimana.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“Continueremo ad assistere ovunque sia richiesto, anche se le possibilità non sono grandi”, ha detto Bennett. “Nel momento in cui c’è anche una piccola apertura, e abbiamo l’accesso a tutte le parti e la capacità, vedo come un dovere morale fare ogni tentativo”.

Israele ha condannato l’invasione russa dell’Ucraina, ha espresso solidarietà a Kiev e ha inviato aiuti umanitari. Ma Bennett non ha soddisfatto le richieste ucraine di assistenza militare e ha mantenuto i canali aperti alla Russia, con la quale Israele coordina le operazioni contro gli schieramenti iraniani in Siria.

READ  40 La migliore aspirapolvere ghibli del 2022 - Non acquistare una aspirapolvere ghibli finché non leggi QUESTO!

Il ministro delle comunicazioni israeliano Yoaz Hendel ha affermato di aver rifiutato le richieste ucraine di vietare nove media russi sulla base della loro propaganda.

“Questi (emittenti) non hanno raggiunto alcun tipo di soglia che richiedesse il loro blocco. Vorrei ricordarvi che, in una democrazia, bloccare i canali dei media è un evento molto drammatico”, ha detto Hendel ai giornalisti.

Il ministro dell’Interno Ayelet Shaked ha affermato che Israele, che ha una popolazione di 9,2 milioni di abitanti, si sta preparando a una “ondata molto, molto grande” di immigrazione innescata dal conflitto.

Ciò potrebbe comportare l’accoglienza di oltre 200.000 ucraini ebrei o con legami familiari ebrei e più di 600.000 russi nelle stesse categorie, ha affermato.

In quello che i media locali hanno lanciato come tentativo di impedire agli oligarchi russi di fuggire in Israele per eludere le sanzioni, l’Autorità aeroportuale israeliana ha affermato di aver ricevuto istruzioni per non consentire ai jet privati ​​di parcheggiare per più di 24 ore.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Scrittura di Dan Williams Montaggio di Jeffrey Heller e Raissa Kasolowsky

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *