Blinken segnala il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina con l’incontro di confine

  • Il massimo diplomatico statunitense incontra la controparte ucraina al confine con la Polonia
  • Blinken afferma che il sostegno all’Ucraina aumenterà
  • Blinken dialoga con il premier polacco, ministro degli Esteri

CONFINE POLACCO-UCRAINO, 5 marzo (Reuters) – Il segretario di Stato americano Antony Blinken e il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba si sono incontrati sabato al confine ucraino con la Polonia per discutere gli sforzi occidentali per sostenere l’Ucraina e isolare la Russia durante l’attuale guerra, giunta alla sua decima .giorno.

In mezzo a una stretta sicurezza, Blinken e Kuleba hanno tenuto colloqui in una tenda al confine dove anche i rifugiati, per lo più donne e bambini, stavano attraversando con le loro cose in valigie e zaini.

I due uomini camminavano su entrambi i lati di una linea dipinta che sembrava segnare la fine del territorio polacco.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“Il mondo intero sta con l’Ucraina, proprio come io sono qui in Ucraina con il mio amico, il mio collega”, ha detto Blinken.

Kuleba ha aggiunto: “Spero che il popolo ucraino possa vedere questa come una chiara manifestazione del fatto che abbiamo amici che ci stanno letteralmente accanto”.

I due hanno discusso della fornitura di armi all’Ucraina e della campagna per isolare la Russia a livello internazionale e danneggiare la sua economia con sanzioni, ha affermato Kuleba.

L’Ucraina alla fine vincerà la sua guerra con la Russia, ha detto, ma i suoi sostenitori internazionali devono fornire più aiuto per porre fine al conflitto prima.

L’Ucraina ha particolarmente bisogno di caccia e sistemi di difesa aerea, ha affermato, aggiungendo che le armi antiaeree Stinger fornite dalle nazioni occidentali stanno aiutando. Sabato, ha detto, le forze ucraine hanno abbattuto tre aerei russi.

“Se continuano a fornirci le armi necessarie, il prezzo sarà più basso. Questo salverà molte vite”, ha detto.

Kuleba ha affermato di non aver visto progressi nei colloqui con la Russia su un cessate il fuoco che si terrà al confine tra Ucraina e Bielorussia, ma “dobbiamo continuare a parlare”. Lunedì è in programma un terzo round.

LA PRESSIONE SULLA RUSSIA ‘Crescerà’

Blinken ha incontrato in precedenza il primo ministro e il ministro degli esteri della Polonia e ha visitato un centro che ospitava rifugiati.

Il numero di rifugiati potrebbe salire a 1,5 milioni entro la fine del fine settimana dagli attuali 1,3 milioni, ha affermato sabato il capo dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Blinken è arrivato in Polonia da Bruxelles, dove venerdì ha incontrato i ministri degli Esteri dell’alleanza NATO, del gruppo G7 e dell’Unione Europea per discutere gli sforzi dell’Occidente per scoraggiare la Russia attraverso un programma di dure sanzioni.

Blinken ha affermato che le sanzioni stanno producendo “risultati concreti”, riferendosi ai danni subiti dall’economia russa negli ultimi giorni. “Anche quella pressione non solo continuerà, ma aumenterà fino alla fine di questa guerra di scelta”, ha detto.

I membri della NATO stanno fornendo aiuti militari all’Ucraina, gran parte dei quali passando attraverso la Polonia. Ma ha rifiutato le richieste ucraine di imporre una no-fly zone sul paese, dicendo che ciò potrebbe provocare un conflitto molto più ampio e ancora più pericoloso.

READ  Bitcoin ha un prezzo inferiore a $ 37.000 affiliato a TechCelof

La Russia descrive le sue azioni come “un’operazione militare speciale” il cui scopo è disarmare l’Ucraina, contrastare quella che considera un’aggressione della NATO e catturare i leader ucraini che chiama neonazisti. Per saperne di più

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di Simon Lewis; Montaggio di Gareth Jones

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *