Goldman Sachs è la prima grande banca statunitense a ritirarsi dalla Russia

Goldman Sachs lascia la Russia, diventando la prima grande banca americana ad uscire dal Paese dopo che i governi occidentali hanno imposto una serie di sanzioni destinato a paralizzare l’economia russa.

“Goldman Sachs sta chiudendo la sua attività in Russia in conformità con i requisiti normativi e di licenza”, ha affermato in una e-mail Andrea Williams, portavoce della banca. “Ci concentriamo sul supportare i nostri clienti in tutto il mondo nella gestione o nell’estinzione degli obblighi preesistenti nel mercato e nel garantire il benessere delle nostre persone”.

Il colosso dell’investment banking ha circa 80 dipendenti in Russia e sta organizzando le partenze di coloro che hanno chiesto di andarsene, la sig. ha detto Williams, confermando un precedente rapporto di Notizie Bloomberg. Alcuni dipendenti delle divisioni legali e di conformità di Goldman rimarranno nel paese.

Alla fine del 2021, la banca di New York aveva un’esposizione alla Russia per oltre 700 milioni di dollari, legata a prestiti e prodotti finanziari come azioni e obbligazioni, secondo un deposito. Sebbene Goldman abbia avuto una presenza in Russia, la sua attività è una piccola fetta delle operazioni globali della banca.

“Nessuno di noi può non vedere questo per quello che è: l’invasione di uno stato sovrano”, ha detto giovedì David M. Solomon, amministratore delegato di Goldman in una nota allo staff. “Centinaia di migliaia di persone sono state costrette a fuggire dalle loro case, le città ucraine hanno subito enormi distruzioni e già c’è stata una tragica perdita di vite umane. So che questo rimane un momento estremamente scoraggiante e difficile per molte delle nostre persone”.

Le banche americane e occidentali si sono ritirate dai rapporti diretti in Russia dal 2014, quando gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni dopo l’annessione della Crimea da parte del presidente Vladimir V. Putin.

READ  40 La migliore pittura per interni antimuffa del 2022 - Non acquistare una pittura per interni antimuffa finché non leggi QUESTO!

Citigroup, che ha circa 3.000 dipendenti in Russia, ha dichiarato mercoledì che “valutarà le nostre operazioni nel paese”. La divisione consumatori di Citi in Russia sta eseguendo operazioni limitate; la banca ha messo in vendita l’attività nell’ambito di una più ampia uscita dai mercati esteri annunciata lo scorso anno. La banca aveva un’esposizione di $ 9,8 miliardi alla Russia alla fine del 2021, inclusi prestiti aziendali e al consumo e titoli di debito del governo locale, secondo un deposito. Sta lavorando per ridurre tale esposizione, ha detto agli investitori la scorsa settimana il capo della finanza Mark Mason.

Potrebbero esserci le ultime punizioni economiche sulla Russia conseguenze indirette di vasta portata a causa delle dimensioni della sua economia e dei suoi collegamenti internazionali. Il paese è un importante esportatore di materie prime come petrolio, gas naturale e grano.

Citigroup, l’unica banca statunitense con attività in Ucraina, aveva più di 200 dipendenti nel paese e stava aiutando coloro che volevano partire ad attraversare il confine con la Polonia, ha detto la scorsa settimana Jane Fraser, amministratore delegato di Citigroup.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *