I parlamentari italiani rieleggono Sergio Mattarella presidente, preservando lo status quo

ROMA – Dopo nocive e caotiche trattative dietro le quinte, i legislatori italiani hanno rieletto sabato attuale presidente, Sergio Mattarella mantenendo lo status quo, evitando elezioni anticipate e prolungando l’attuale periodo di stabilità dell’Italia sotto il presidente del Consiglio Mario Draghi, che lui stesso aveva ambito il lavoro.

Ma l’elezione del sig. Mattarella, 80 anni e riluttante a tornare in servizio, dopo sei disastrosi giorni di votazioni segrete in cui diversi interessi politici all’interno della coalizione di governo non si sono riuniti attorno a un nuovo candidato, ha rivelato il politica litigiosa e alleanze fatiscenti appena sotto la superficie del governo di unità nazionale dell’Italia.

La politica italiana divisiva non è una novità, ma le elezioni sono state particolarmente seguite da vicino perché il suo esito aveva il potenziale per determinare se Mr. Draghi, ampiamente accreditato di aver portato stabilità all’Italia in un momento critico, sarebbe rimasto sulla scena o sarebbe diventato una vittima del caos politico.

Sabato mattina, in un incontro privato, il sig. Draghi, che molti consideravano il candidato senza cervello per ricoprire la carica presidenziale di sette anni, ha chiesto personalmente al sig. Mattarella di pensare di restare perché la conflagrazione politica sulle schede elettorali inconcludenti aveva cominciato a bruciare figure istituzionali, come la presidente del Senato e il capo dei servizi segreti, due donne di spicco che si erano proposte come candidate solo per essere respinte e offuscate.

Sig. Draghi è tornato dalla riunione e poi ha chiamato i leader del partito della coalizione di governo per cercare di mediare un accordo, secondo un funzionario di Mr. L’ufficio di Draghi che ha parlato a condizione di anonimato perché non autorizzato a discuterne pubblicamente.

La scelta del sig. Mattarella aumentato la probabilità che il sig. Draghi, ex presidente della Banca centrale europea, continuerà a guidare il governo di unità nazionale fino alle elezioni programmate nel febbraio 2023.

Avendo il sig. La mano di Draghi negli affari quotidiani calmerà sicuramente i mercati internazionali e la leadership dell’Unione Europea a Bruxelles, che conta sull’Italia per gestire efficacemente centinaia di miliardi di dollari in fondi di risanamento della pandemia e dimostrare la saggezza dell’esperimento del blocco nel debito collettivo.

Ma per loro, la rielezione del sig. Mattarella rappresenta la seconda migliore opzione perché blocca l’attuale situazione politica in atto e lascia aperta la possibilità che Mr. Draghi potrebbe ancora un giorno salire al Palazzo del Quirinale, la casa dei presidenti e l’ex dimora dei papi.

Si vocifera che il sig. Mattarella potrebbe dimettersi anticipatamente dal suo secondo mandato da presidente e aprire la strada al prossimo Parlamento italiano per eleggere Mr. Draghi in un momento politicamente meno delicato. Il funzionario in Mr. L’ufficio di Draghi ha detto che il sig. Draghi e Mr. Mattarella non ha discusso nulla del genere sabato mattina.

Sig. Mattarella “capisce che questo è un momento critico per l’Italia”, ha affermato Roberto D’Alimonte, esperto di sistema politico italiano all’Università Luiss Guido Carli di Roma. “E quello status quo deve essere mantenuto”.

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che con l’avvicinarsi delle elezioni, le ambizioni politiche e la capacità di gioco dei partiti politici opposti al governo renderanno sempre più difficile per il governo agire, approvare una nuova legislazione o persino rimanere insieme.

Sig. Mattarella è stato eletto per la prima volta nel 2015 quando è stato sostenuto dal presidente del Consiglio dell’epoca, Matteo Renzi, un maestro tattico della politica italiana che questa settimana ha avuto un ruolo nel bloccare altri candidati. Nato a Palermo, Sicilia, il Sig. Mattarella è il fratello minore di Piersanti Mattarella, assassinato dalla mafia nel 1980 durante il suo mandato di governatore della Sicilia.

Avvocato riservato che ha insegnato diritto parlamentare a Palermo, l’ex e futuro presidente italiano è stato eletto al Parlamento nel 1983 come membro della Democrazia Cristiana, che ha dominato l’Italia del dopoguerra fino a quando non è implosa dopo una serie di scandali di corruzione nei primi anni ’90. Ha servito in Parlamento fino al 2008, ricoprendo una serie di incarichi di governo di alto livello sotto la Democrazia Cristiana e successivamente nei governi di centrosinistra. Nel 2011 è stato eletto dal Parlamento alla Corte Costituzionale italiana.

In qualità di presidente, il nonno Mr. Mattarella, con i suoi capelli bianchi come la neve e lo stile tranquillo, ha dimostrato autorità morale e presiedette con mano ferma per sette anni caotici. Il paese ha oscillato selvaggiamente da sinistra a destra ed è stato eletto tra i parlamenti più populisti e anti-europei d’Europa prima di trasformarsi ancora una volta in una base dell’establishment sotto Mr. Draghi, che il sig. Mattarella ha portato personalmente fine a una crisi di governo l’anno scorso.

READ  40 La migliore autoradio con bluetooth vivavoce e navigatore del 2022 - Non acquistare una autoradio con bluetooth vivavoce e navigatore finché non leggi QUESTO!

Dopo che i populisti hanno ottenuto grandi vittorie alle elezioni del 2018, Mr. Mattarella ha bloccato la formazione di un governo che considerava incostituzionalmente anti-europeo, spingendo i leader del Movimento Cinque Stelle anti-establishment a chiederne l’impeachment.

È un segno di quanto la politica italiana abbia moderato intorno a Mr. Draghi che quegli stessi leader oggi hanno esortato i loro seguaci a votare per Mr. Mattarella. Ma il voto ha anche mostrato il travolgente interesse personale dei membri del parlamento nell’evitare elezioni anticipate probabilmente costerà a molti degli attuali ed ex membri Five Star il lavoro e le pensioni.

Sig. Mattarella ha più volte chiarito di non voler rimanere nel lavoro e di aver trasferito le sue cose in un nuovo appartamento a Roma. Meme scambiati tra politici e giornalisti italiani questa settimana hanno mostrato che Mr. Mattarella rispondeva al telefono e faceva finta di non essere in casa, o legava le lenzuola per sgattaiolare fuori da una finestra del palazzo presidenziale.

Ma la settimana caotica ha rivelato quanto sia stato difficile per i partiti italiani mettersi d’accordo su qualcun altro. La coalizione di centrodestra paese, che si è presentata alle elezioni sperando di mostrare i muscoli, l’ha invece lasciata debole e ferita e in guerra tra di loro.

Matteo Salvini, il leader della Lega nazionalista che aveva sperato che le elezioni potessero fungere da dimostrazione di forza per il centrodestra e il suo ruolo di leader di fatto, ne è uscito politicamente insanguinato. I suoi candidati proposti, sufficienti per schierare una squadra di calcio, non è andato da nessuna parte e alla fine ha sostenuto Mr. Il bis di Mattarella.

Silvio Berlusconi, che sperava lui stesso di diventare presidente prima di ritirare la sua candidatura poco prima dell’inizio delle votazioni, aveva posto il veto a Mr. Draghi diventa presidente perché potrebbe mettere in pericolo il governo. Ha sostenuto il sig. Mattarella, così come il Sig. Renzi e il Pd che un tempo guidava. L’attuale leader, Enrico Letta, ha definito l’esito “ideale”.

READ  40 La migliore frigo coca cola in regalo del 2022 - Non acquistare una frigo coca cola in regalo finché non leggi QUESTO!

Ma il processo era tutt’altro. Per giorni, i partiti politici in competizione si sono impegnati in ogni sorta di tattica per perseguire i loro ristretti interessi, avere il sopravvento o difendersi da candidati partigiani. Non è stata ascoltata una frase di politica o sostanza, poiché la settimana è diventata una clinica, o un derby di demolizione, di pura politica di potere. I legislatori si sono astenuti tatticamente e hanno presentato candidati simbolici usati per misurare la compattezza dei loro blocchi elettorali. Hanno cronometrato i propri elettori per assicurarsi che non stessero scrivendo nomi su schede bianche. Hanno offerto pubblicamente quelli che chiamavano candidati credibili, con l’intenzione di distruggere le possibilità di quei candidati semplicemente articolando i loro nomi.

Giovedì la soglia della vittoria è scesa a 505 voti, maggioranza assoluta, e le tensioni sono aumentate.

Venerdì il sig. Salvini, ha cercato di forzare la candidatura di un alleato politico, Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato, nonostante le minacce dei liberali e dei suoi partner nominali nella coalizione di unità nazionale che avrebbe provocato il crollo del governo.

La sua candidatura è stata molto breve e il suo stesso partito ha votato contro di lei. Lo slancio iniziò a muoversi verso Mr. Mattarella, ma venerdì sera politici disperati, tra cui l’amarezza dell’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che il sig. Mattarella aveva sostituito con Mr. Draghi, ha espresso sostegno a una generica candidata femminile. La mossa è stata ampiamente interpretata come un gioco di potere all’ultimo posto e ha semplicemente rivendicato nuove vittime politiche.

Ma sabato, tutte quelle mosse sembravano finite e i membri del governo di unità nazionale, incluso il sig. Conte, ha deciso di mantenere le cose esattamente come stavano, con Mr. Mattarella come presidente e il sig. Draghi come primo ministro. Ma anche tutto sembrava diverso. Le elezioni avevano avuto un impatto.

Sig. Letta, il leader del Pd ha detto di aver rivelato “un sistema politico che è bloccato”. e che “non funziona”.

Elisabetta Povoledo e Gaia Pianigiani reportage contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.