I pubblici ministeri federali stanno esaminando le false certificazioni elettorali del 2020, afferma il vice procuratore generale

“Abbiamo ricevuto quei rinvii. I nostri pubblici ministeri stanno esaminando quelli e non posso dire altro sulle indagini in corso”, ha detto Monaco in un’intervista esclusiva.

I falsi certificati dichiarano falsamente la vittoria di Trump sono stati inviati agli archivi nazionali dagli alleati di Trump a metà dicembre 2020. Hanno attirato il controllo pubblico durante l’indagine della Camera del 6 gennaio su la campagna di pressione che cercava per invertire la sconfitta elettorale di Trump.

Il Monaco non è entrato nei dettagli su cos’altro stanno guardando i pubblici ministeri dal tentativo partigiano di sovvertire il conteggio dei voti del 2020. Ha detto che, più in generale, il Dipartimento di Giustizia “seguirà i fatti e la legge, ovunque portino, per affrontare comportamenti di qualsiasi tipo ea qualsiasi livello che fanno parte di un assalto alla nostra democrazia”.

Questa è la prima volta che il Dipartimento di Giustizia commenta le richieste di legislatori e funzionari statali di indagare sulle false certificazioni.

I certificati contengono le firme dei sostenitori di Trump che affermavano falsamente di essere i legittimi elettori in Georgia, Arizona, Michigan, Pennsylvania, Wisconsin, Nevada e New Mexico – tutti affermano che il presidente Joe Biden aveva vinto. Alcuni dei certificati sono stati inviati da alti funzionari che rappresentano il Partito Repubblicano in ogni stato, secondo i documenti ottenuti e reso pubblico dal gruppo di vigilanza American Oversight.

In risposta ai nuovi commenti di Monaco, il procuratore generale del Wisconsin Josh Kaul ha dichiarato alla Galileus Web in una dichiarazione che era “fondamentale che il governo federale indaghi e persegua completamente qualsiasi azione illegale a sostegno di qualsiasi cospirazione sediziosa”.

READ  40 La migliore carica batteria portatile del 2022 - Non acquistare una carica batteria portatile finché non leggi QUESTO!

L’ufficio del procuratore generale del New Mexico ha precedentemente affermato che sta riesaminando la questione ai sensi della legge statale e, come altri stati, lo ha deferito al Dipartimento di giustizia tramite l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti.

“Abbiamo ricevuto informazioni dall’ufficio del procuratore generale del New Mexico, ma non possiamo commentarle in questo momento”, ha detto lunedì alla Galileus Web Scott Howell, portavoce dell’avvocato statunitense per il New Mexico.

Nella sua intervista con la CNN, Monaco ha anche propagandato gli sforzi che il Dipartimento di Giustizia ha compiuto per affrontare le minacce e le molestie che i funzionari elettorali hanno dovuto affrontare.

Le mani di Donald Trump sono dappertutto sul tentativo di colpo di stato
“Sono preoccupato per la natura davvero inquietante delle minacce che abbiamo visto. Sono state inquietantemente aggressive, violente e personali”, ha detto Monaco. Lei ha indicato alla presentazione di un atto d’accusad dal Dipartimento di Giustizia la scorsa settimana, sostenendo che un uomo del Texas aveva minacciato di uccidere funzionari elettorali della Georgia. L’atto d’accusa è stato il primo ad essere portato dopo la formazione di una task force di dipartimento incentrata sulla questione.

“Quelle accuse sono state le prime ad uscire da quella task force, ma non saranno le ultime”, ha detto Monaco.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni.

Marshall Cohen e Zachary Cohen della CNN hanno contribuito al reportage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *