Il Canada batte gli Stati Uniti, 3-2, vincendo la medaglia d’oro nell’hockey femminile

Durante i Giochi di Pechino, l’incontrollata spavalderia della squadra di hockey femminile canadese era stata ben visibile a tutti da vedere, da ammirare, arrabbiare e temere.

C’erano le umiliazioni delle squadre che avrebbero giocato per la medaglia di bronzo, gli scavi taglienti ai rivali, le critiche sfumate alle strategie fallite per segnare su Ann-Renée Desbiens, il portiere che ha fatto della piega canadese una fortezza.

I canadesi hanno dimostrato giovedì che tutto era giustificato: hanno sopraffatto gli Stati Uniti nel gioco della medaglia d’oro, 3-2, e hanno rivendicato la corona olimpica che gli americani avevano strappato via quattro anni fa.

La vittoria del Canada è stata un’esibizione di un gioco formidabile e brulicante, mescolato con alcune dosi di fortuna e una spinta angosciata e furiosa iniziata con la sconfitta olimpica nel 2018.

Il risultato era quello che i canadesi avevano predetto in punta di piedi. Per loro, una medaglia d’oro spesso sembrava meno una redenzione e più semplicemente il raggiungimento di uno standard incessantemente elevato.

“Abbiamo giocato così bene che quando giochiamo a modo nostro – e non ci concentriamo sulle altre squadre o su chi stiamo giocando – siamo inarrestabili”, ha detto Natalie Spooner, attaccante della sua terza squadra olimpica canadese.

Il Canada è sembrato segnare a circa sette minuti dall’inizio della partita di giovedì, quando il portiere americano Alex Cavallini ha deviato un disco e ha visto Spooner infilarlo con un tiro potente. Gli Stati Uniti, tuttavia, hanno contestato il fuorigioco del Canada, una valutazione confermata dai funzionari.

“Te ne devo uno”, ha detto Spooner alla sua compagna di squadra Sarah Nurse in panchina. “Ero in fuorigioco”.

Trentacinque secondi dopo, il gol è arrivato: dopo che il Canada ha vinto un ingaggio, Nurse ha preso un passaggio, si è girato e ha segnato.

Il Canada ha raddoppiato il suo vantaggio più avanti nel periodo su un tiro di Marie-Philip Poulin, il capitano canadese che stava giocando alla sua quarta partita, e lo ha spinto a 3-0 quando Poulin ha segnato di nuovo a metà della seconda.

Hilary Knight ha segnato un gol a corto raggio per gli Stati Uniti alla fine del secondo, promettendo che gli americani avrebbero almeno evitato l’umiliazione di essere esclusi quando una medaglia d’oro era in palio.

Un gol in power-play a 13 secondi dalla fine ha chiuso il punteggio finale. A quel punto, però, la squadra canadese sapeva che la vittoria era assicurata.

Così hanno fatto gli americani.

“Volevamo solo mettere un sacco di dischi lì dentro e in realtà avere un sacco di corpi, e non penso che abbiamo fatto abbastanza di un ottimo lavoro per questo”, ha detto l’attaccante degli Stati Uniti Abby Roque.

Lo spettacolo di giovedì era un terreno familiare, la sesta medaglia d’oro tra Canada e Stati Uniti da quando l’hockey femminile è diventato uno sport olimpico nel 1998. Gli Stati Uniti hanno conquistato il primo titolo olimpico ma non un altro fino al 2018, quando hanno vinto una partita decisa da una sparatoria questo è stato visto, almeno in Canada, come un’aberrazione, non un presagio di un cambio di potere.

READ  Perché Trump è profondamente teso quando l'indagine sull'attacco al Campidoglio è finita | Donald Trump

Molti degli incontri che hanno portato alla partita di giovedì lo hanno suggerito. I canadesi hanno vinto una partita del turno preliminare a Pechino, 4-2, e hanno registrato un record di 4-2 in una serie di partite di esibizione pre-olimpica in Nord America.

Le squadre erano i titani indiscussi dei Giochi. Entrando giovedì, il Canada aveva segnato 54 gol, un record in un torneo olimpico, e aveva tre donne – Brianne Jenner, Sarah Fillier e Jamie Lee Rattray – tra i cinque migliori marcatori di Pechino.

Gli Stati Uniti avevano registrato due vittorie di shutout e avevano sconfitto due volte la Finlandia, che ha vinto la medaglia di bronzo mercoledì sera.

Guidati da Kendall Coyne Schofield, capitano e una delle pattinatrici più veloci del mondo, e Knight, che giovedì ha stabilito il record americano per il maggior numero di partite giocate da una giocatrice di hockey alle Olimpiadi, gli Stati Uniti hanno avuto un attacco spaventoso che ha costretto i portieri rivali per affrontare una tempesta di colpi durante il torneo.

Ma gli americani hanno lottato ancora giovedì per trasformare le occasioni in gol. Allo stesso tempo, hanno trovato una squadra canadese desiderosa – e in grado – di segnare rapidamente. Nel primo periodo il Canada ha pareggiato gli Stati Uniti ai tiri, con 11, un netto salto di qualità rispetto all’ultimo incontro, quando gli americani avevano fatto 16 tentativi nel primo ei canadesi solo cinque.

Gli Stati Uniti alla fine hanno superato di nuovo il Canada nei tiri, ricordando il giudizio canadese dopo il loro primo incontro secondo cui gli americani erano fin troppo felici di provare a sopraffare gli avversari con una raffica di tiri non sempre buoni.

READ  La Russia chiede alla Cina assistenza militare nella guerra con l'Ucraina, affermano i funzionari statunitensi

Tuttavia, è stata una strategia che ha funzionato per la maggior parte dei Giochi. Ma quando il tempo è svanito giovedì, con gli americani che si sono arrampicati su una colonna sonora finale di clack, colpire e svuotare la rete con più di tre minuti di gioco, è stato chiaro quale squadra si fosse dimostrata la migliore.

Proprio come il Canada aveva a lungo affermato che sarebbe successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.