Il giudice ordina ai camionisti di tornare a casa e porre fine alla protesta dopo che il premier dell’Ontario ha dichiarato l’emergenza

Il premier dell’Ontario Doug Ford dichiarato lo stato di emergenza venerdì e ha detto che utilizzerà tutte le risorse del governo per porre fine a una protesta di due settimane dei camionisti canadesi contro le regole del Covid-19. E ore dopo, un giudice ha ordinato ai manifestanti all’Ambassador Bridge sul confine tra Stati Uniti e Canada di andarsene.

Ford ha detto che la protesta dei camionisti equivale a un “assedio” del centro di Ottawa e dell’Ambassador Bridge, che collega Windsor e Detroit.

“È un’occupazione illegale”, ha detto Ford ai giornalisti. “Questa non è più una protesta”.

Dopo l’ordine del giudice, la polizia lo ha avvertito Chiunque blocchi le strade o aiuti a bloccare le strade potrebbe essere arrestato. Non è stato immediatamente chiaro quando o se le forze dell’ordine sarebbero state inviate per rimuovere i manifestanti.

Il presidente della Corte Suprema Geoffrey Morawetz della Corte superiore dell’Ontario ha dichiarato durante un’udienza virtuale che l’ordine sarebbe entrato in vigore alle 19:00 per dare ai manifestanti il ​​tempo di andarsene.

La sua decisione è arrivata dopo un’udienza in tribunale di 4 ore e mezza in cui la città di Windsor e gli avvocati dei produttori di componenti per auto hanno affermato che il blocco stava causando indebiti danni economici alla città e alla regione.

I sostenitori dei manifestanti, alcuni dei quali camionisti, hanno sostenuto che un ordine interromperebbe il loro diritto di protestare pacificamente contro i mandati dei vaccini che ostacolano la loro capacità di guadagnarsi da vivere.

Ford, del Partito conservatore progressista, aveva precedentemente detto ai manifestanti di disperdersi e minacciato pesanti multe, ma si è fermato prima di dire che sta ordinando un’azione immediata della polizia per sgomberare le strade.

READ  L'allenatore dei Philadelphia Eagles Nick Syriani risulta positivo a Kovit-19 ed entra in etica

“Voglio chiarire molto chiaramente che non dirigo, ripeto, non dirigere la polizia”, ​​ha detto Ford. “Noi facciamo le leggi. La polizia fa rispettare le leggi. Ma ancora una volta non possiamo… avere persone che occupino le città, le tengano in ostaggio, tengano in ostaggio milioni e milioni di persone per andare al loro lavoro e decine e decine e decine di migliaia di persone (che) non possono andare a fare il loro lavoro.

Il primo ministro Justin Trudeau venerdì ha definito le azioni di Ford “ragionevoli e necessarie” e ha affermato di aver informato il suo omologo a Washington DC, il presidente Joe Biden, sul blocco dell’Ambassador Bridge.

“Il confine non può e non rimarrà chiuso”, ha detto Trudeau ai giornalisti venerdì.

Trudeau ha fatto eco alle osservazioni di Ford sulla minimizzazione dell’uso della polizia o della forza militare per ristabilire l’ordine.

Ma il premier ha alzato le sopracciglia dicendo “tutto è sul tavolo” in termini di possibile azione federale.

Il padre del primo ministro di Trudeau, Pierre Trudeau, invocò notoriamente il Canada Legge sulle misure di guerra nell’ottobre 1970 per sedare i disordini separatisti in Quebec.

“Ci sono ulteriori passi da fare per le forze dell’ordine”, ha detto Trudeau.

“Siamo molto lontani dal dover chiamare i militari. Anche se, ovviamente, dobbiamo essere pronti per qualsiasi evenienza. Ma non è qualcosa che stiamo seriamente contemplando in questo momento”.

I camionisti stavano mettendo in scena a protesta che aveva spento il nucleo di Ottawa su varie norme Covid-19, portando domenica il sindaco della capitale canadese a dichiarare lo stato di emergenza della città.

Soprannominato il “Freedom Convoy”, centinaia di manifestanti hanno usato i loro camion per bloccare le strade della città, suonare il clacson e interrompere il traffico.

READ  40 La migliore piastra per toast e panini del 2022 - Non acquistare una piastra per toast e panini finché non leggi QUESTO!

Ford, il fratello di il defunto ex sindaco di Toronto Rob Fordha affermato di rispettare il diritto dei camionisti alle proteste, “ma come tutti i diritti, anche queste non sono senza limiti ragionevoli”.

“C’è un’ampia differenza tra una dimostrazione che le persone fanno il loro punto e tornano a casa e le persone (che) mettono a rischio le loro vite, le vite delle loro famiglie e le comunità”, ha affermato Sylvia Jones, procuratore generale dell’Ontario.

“Questo è purtroppo quello che stiamo vedendo a Windsor e, naturalmente, a Ottawa negli ultimi giorni, nell’arco di una settimana”.

Il traffico sul ponte è stato bloccato o fortemente limitato per cinque giorni, con gravi conseguenze economiche a sud del confine, Michigan Gov. disse Gretchen Whitmer.

“In Michigan, il nostro slancio economico è a rischio perché il traffico commerciale è fermo all’Ambassador Bridge e pesantemente sostenuto al Blue Water Bridge”, ha detto in una dichiarazione venerdì. “Sto continuando ad agire per garantire che i lavoratori e le famiglie del Michigan siano supportati”.

La protesta ha anche suscitato reazioni negative sia a Ottawa che in tutto il Canada per presunte molestie e per la presenza di bandiere confederate e bandiere con svastiche.

La maggioranza dei canadesi si oppone alle azioni dei camionisti, secondo un sondaggio Ipsos.

L’Associated Press ha contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *