Il quattro volte campione NBA Manu Ginobili, le leggende della WNBA Swin Cash, Lindsay Whalen tra i finalisti della Naismith Hall of Fame

CLEVELAND – La leggenda dei San Antonio Spurs e quattro volte campionessa NBA Manu Ginobili e le leggende della WNBA Swin Cash e Lindsay Whalen sono state le prime degli 11 finalisti dei comitati nordamericani e femminili per la Naismith Hall of Fame Class del 2022.

Gli altri otto finalisti erano: l’ex Los Angeles Laker Michael Cooper; l’ex attaccante dei Milwaukee Bucks Marques Johnson; arbitro NBA di lunga data Hugh Evans; Bob Huggins, allenatore di lunga data del college; George Karl, allenatore di lunga data dell’NBA; Marianne Stanley, allenatore del college femminile e WNBA; il cinque volte All-Star Tim Hardaway; e l’allenatore di basket femminile del liceo del Texas Leta Andrews.

Ginobili – una delle due persone, insieme all’Hall of Famer Bill Bradley, a vincere un titolo di Eurolega, un titolo NBA e una medaglia d’oro – è diventato uno dei volti della dinastia degli Spurs, insieme all’Hall of Famer Tim Duncan e al futuro Hall of Famer Tony Parker, e ha vinto la medaglia d’oro con l’Argentina nel 2004 e una medaglia di bronzo nel 2008. La sua volontà di uscire dalla panchina per la maggior parte della sua carriera ha contribuito a trasformare le seconde unità di San Antonio in armi devastanti.

Cash ha vinto tre campionati NBA, due campionati NCAA e due medaglie d’oro olimpiche per essere nominata una delle 20 migliori giocatrici WNBA di tutti i tempi nel 2016. È stata anche due volte MVP di All-Star Game e quattro -time All-Star. Whalen, come Cash, è stata anche tre volte campionessa WNBA e due volte medaglia d’oro olimpica, formando cinque squadre All-Star e tre prime squadre WNBA durante i suoi 15 anni di carriera con il Connecticut Sun.

READ  40 La migliore macchine per waffel del 2022 - Non acquistare una macchine per waffel finché non leggi QUESTO!

Cooper è stato una delle ancore difensive delle grandi squadre dei Lakers degli anni ’80, vincendo cinque campionati NBA mentre guadagnava cinque cenni all’All-Defensive Team e il premio Defensive Player of the Year della lega nel 1987. Johnson ha creato cinque squadre All-Star con i Bucks , e ha vinto un campionato nazionale durante la sua carriera universitaria alla UCLA, mentre Evans è stato un arbitro NBA per 28 anni, una serie che lo ha visto arbitrare 170 partite di playoff, 35 partite di finali NBA e quattro All-Star Games NBA.

Hardaway è stato cinque volte medaglia d’oro All-Star e olimpica il cui caratteristico crossover ha devastato gli avversari durante le sue 13 stagioni NBA, principalmente con i Golden State Warriors e i Miami Heat. Karl ha il sesto maggior numero di vittorie di qualsiasi allenatore NBA, 1.175, e ha raggiunto le finali NBA con i Seattle Supersonics nel 1996, una delle sei tappe durante le sue 27 stagioni come allenatore NBA. Huggins è stato l’allenatore a Cincinnati, Kansas State e West Virginia, è uno dei sei allenatori della Divisione I ad aver vinto almeno 900 partite e ha raggiunto le Final Four nel 1992 e nel 2010.

Stanley, attualmente allenatore dell’Indiana Fever della WNBA, ha vinto un campionato nazionale universitario all’Old Dominion nel 1985, e successivamente ha allenato a Penn, USC, Stanford e Cal. E Andrews ha trascorso 51 anni ad allenare le squadre femminili delle scuole superiori del Texas, accumulando 1416 vittorie – il massimo di qualsiasi allenatore di scuola superiore, maschio o femmina, di tutti i tempi.

La classe 2022 sarà ufficialmente svelata il 2 aprile a New Orleans durante le Final Four e sarà custodita nella Hall il 2 settembre. 10 a Springfield, Messa.

READ  È tempo di uscire dal mercato azionario? Le oscillazioni selvagge dei prezzi stanno scuotendo la determinazione di alcuni investitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.