Joe Rogan si scusa per aver usato insulti razzisti

Rogan ha usato la parola più di 20 volte in clip di diversi episodi di podcast, che secondo lui sono stati compilati in un periodo di 12 anni. Rogan, nelle sue scuse, ha detto che è stata “una cosa molto triste e vergognosa” per lui parlare pubblicamente.

“La maggior parte delle persone sa che non esiste un contesto in cui una persona bianca possa dirlo, non importa quanto sia pubblico su un podcast, lo accetto”, ha detto. “Ora, non lo dicevo da anni”, ha aggiunto Rogan.

Rogan ha anche affrontato un video che confrontava una pagina di quartiere nero con un film Il pianeta delle scimmie. “Non vorrei assolutamente offendere nessuno per intrattenimento con qualcosa di stupido come il razzismo”, ha detto.

Spotify, ora uno dei più grandi servizi di streaming del mondo, è sotto forte pressione in quanto è il distributore esclusivo del popolare spettacolo di Rogan.

Un rappresentante di Spotify ha rifiutato di commentare se sarebbe stata intrapresa un’azione contro Rogan.

Ma qualcuno che ha familiarità con la questione ha detto alla CNN Business che la società ha parlato con il suo team delle preoccupazioni su alcuni degli episodi passati di Rogan.

Secondo il sito di controllo, venerdì è apparso che Spotify aveva rimosso più di 70 episodi del podcast di Joe Rogan. jremissing.com.

Infatti, la fonte ha affermato che Rogan aveva deciso di cancellare gli ultimi episodi insieme alle sue scuse.

La cantautrice India Ary è stata una dei numerosi musicisti che di recente ha chiesto a Spotify di rimuovere la propria musica in seguito alla trasmissione della disinformazione di Covid-19 sullo spettacolo di Rogan. Il vincitore del Grammy Award ha anche affermato che mentre era in sintonia con gli artisti a cui è stato chiesto di rimuovere i loro contenuti a causa della disinformazione del Govt-19, si trattava anche del suo linguaggio che circondava la sua razza di opposizione.

READ  Il presidente delle Olimpiadi-CIO Bach, turbato dal crollo di Valieva, colpisce l'entourage

Rogan “non dovrebbe nemmeno pronunciare la parola”, ha detto Ari. “Non dirlo in nessuna circostanza. Non dirlo. Ecco dove mi trovo. Sono sempre stato lì.”

Ari ha utilizzato l’hashtag #DeleteSpotify per i suoi quasi 1 milione di follower su Instagram.

“Prendono questo denaro costruito dallo streaming e danno a questa persona $ 100 milioni, ma ci danno lo 003% su un centesimo”, ha detto Ari. Instagram. “Sbarazzati di me. Non voglio fare soldi pagandolo.”
Secondo il 2021 Rapporto del New York Times, Le stime dell’industria musicale mettono il tasso di pagamento di Spotify a metà percento per stream per i musicisti, spesso divisi tra case discografiche e artisti.
Il primo artista discografico è stato Neil Young Ti chiedo di cancellare la sua musica Dal palco il 25 gennaio. Fu preceduto nella morte da Johnny Mitchell e a Elenco di musicisti e personalità emergenti Seguili per chiamare Spotify o abbandonare l’intero canale. Spotify presenta in esclusiva il popolare podcast “The Joe Rogan Experience”, in cui viene diffusa la disinformazione sul vaccino Kovit-19.

Spotify ha risposto alle critiche dicendo che avrebbe aggiunto consigli sui contenuti a qualsiasi episodio di podcast – non solo a quello di Rogan – che includeva una discussione su Covit-19, un’azione su cui Rogan aveva accettato.

“Mi è chiaro che in questo momento senza precedenti abbiamo l’obbligo di fare di più per fornire equilibrio e accesso alle informazioni ampiamente accettate dalle comunità mediche e scientifiche che ci guidano”, ha affermato il CEO e co-fondatore Daniel Eck. Scusa in una dichiarazione All’inizio di questa settimana.
Il CEO di Spotify Joe Rogan affronta la controversia

Rogan afferma di aver usato in precedenza la parola n come parte di un contesto simile all’uso ripetitivo della parola nell’album di Richard Fryer o nel film “Pulp Fiction” di Quentin Tarantino del 1994.

READ  40 La migliore batterie x bici elettriche del 2022 - Non acquistare una batterie x bici elettriche finché non leggi QUESTO!

“Per molto tempo, ogni volta che sollevo quella parola, è come se venisse fuori nella conversazione”, ha detto Rogan. “Invece di dire la mia parola, dirò quella parola. Finché è contestuale, ho pensato che le persone avrebbero capito quello che stavo facendo”.

Ha aggiunto: “Non c’è niente che posso fare per riaverlo indietro … Semmai, spero che questo sia un momento insegnabile perché non penso che verrà rimosso dal contesto e inserito in un video del genere”.

Rogan ha detto nelle sue scuse che “non era razzista”.

“Ogni volta che si presenta la situazione in cui devi dire che non sono razzista, hai fatto F**cate e l’ho chiarito”, ha detto Rogan.

Nel podcast cancellato, Rogan ha paragonato la popolazione nera di Filadelfia al film “Il pianeta delle scimmie” e ha detto che “ci sono molte persone di colore lì” che cercano di dire di essere in Africa. Rogan ammette che il “Pianeta delle scimmie” non ha avuto luogo in Africa.

“Non vorrei assolutamente offendere nessuno per intrattenimento con qualcosa di stupido come il razzismo”, ha detto Rogan.

La scorsa settimana, Rogan ha sollevato l’argomento della razza con lo psicologo canadese e ospite sospettoso del cambiamento climatico Jordan Peterson nel suo episodio del podcast. Dopo una breve discussione sullo “spettro delle ombre delle persone”, Rogan ha detto che era strano chiamare qualcuno bianco o nero in base al tono della loro pelle.

Scotty Andrew e Brian Stelter della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.