La lira turca è al minimo storico da quando Erdogan ha annunciato il suo piano di risanamento

Il 16 dicembre 2021, un cambiavalute detiene le banconote in lira turca e rupia in dollari statunitensi presso l’ufficio di cambio valuta ad Ankara, in Turchia.

Kokla Gurdogan | Reuters

Della Turchia Lira Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha visto forti fluttuazioni e registrato velocità molto basse dopo aver svelato un piano per sostenere la valuta interessata e proteggere i depositi locali dai movimenti del mercato.

La lira è salita a 11,0935 contro il dollaro nei primi scambi di martedì, in rialzo del 20% rispetto al dollaro, ma è poi riuscita a guadagnare terreno per essere scambiata alle 12,77 a Istanbul alle 14:00. Il colpo del biglietto verde lunedì prima dell’annuncio del presidente segna un netto miglioramento da un minimo di oltre 18.

Nonostante le forti oscillazioni, da inizio anno la lira si è deprezzata di oltre il 40% rispetto al dollaro.

In un discorso di lunedì sera, Erdogan ha delineato le misure per garantire il risparmio in lira, affermando che se il valore dei depositi in lira contro valute forti fosse sceso oltre i tassi di interesse fissati dalle banche, il governo sarebbe intervenuto e avrebbe compensato le perdite.

Si tratta di un approccio insolito scelto da un presidente con convinzioni economiche straordinarie: Erdogan ha a lungo reagito contro i tassi di interesse, definendoli “la madre di tutti i mali” e insistendo sul fatto che l’aumento dei tassi farebbe gonfiare piuttosto che raffreddare l’inflazione.

Il rifiuto a lungo termine di alzare i tassi e l’apparente controllo sulla politica monetaria della banca centrale hanno giocato un ruolo importante nella storica caduta della lira, da circa 3 dollari nel 2016 a 18 dollari questa settimana. L’inflazione in Turchia è attualmente del 21%.

READ  40 La migliore copri scooter del 2022 - Non acquistare una copri scooter finché non leggi QUESTO!

particolari?

Non sono stati ancora trovati dettagli precisi sul piano del presidente e gli analisti sono scettici.

“L’ultima mossa è significativa, ma la lira si è ripresa solo dalle perdite subite nelle ultime due settimane e il deprezzamento di anno in anno è significativo”, hanno scritto gli analisti di Goldman Sachs in una nota martedì. .

Alla fine, le misure non sembrano affrontare i problemi fondamentali che hanno portato all’elevata inflazione e al deprezzamento della valuta.

Depositanti che hanno accesso a prestiti a tassi simili al tasso di interesse nazionale”[have] Dati i tassi di inflazione attuali e previsti, l’incentivo a prendere in prestito per acquistare beni reali o FX “, hanno affermato gli analisti di Goldman, invece di trattenere ulteriormente la lira, come vorrebbe che il governo dicesse, “Quindi, pensiamo che questa mossa non sia possibile . Stabilizza strutturalmente l’inflazione o il tasso di cambio “, hanno aggiunto.

Cause alla radice “non specificate”

Piotr Matys, analista di InTouch Capital, che fornisce informazioni di mercato alle aziende, ha sottolineato che le cause alla radice della crisi valutaria turca non vengono affrontate.

Le azioni annunciate da Erdogan “non affrontano le questioni fondamentali alla base della posizione pro-rialzista sull’USDTRY. [dollar to lira], “Matys ha detto alla CNBC. “I tassi di interesse sono molto bassi poiché l’inflazione è superiore al 20% e accelererà ulteriormente nei prossimi mesi dopo il calo della lira”.

Mates ha affermato che il governo turco è “chiaramente in linea con l’insistenza del presidente Erdogan sul fatto che la Turchia cambi il suo modello economico abbassando significativamente i tassi di interesse per ridurre la sua dipendenza dal capitale straniero”. Ha aggiunto che “una questione importante è se c’è sufficiente fiducia nell’amministrazione che le famiglie turche saranno risarcite per le perdite che potrebbero verificarsi se convertono i loro risparmi da dollari a lire”.

Inoltre, la compensazione finanziaria per potenziali perdite da parte del Tesoro turco o della banca centrale può essere molto costosa. “Si tratta di una crescita negativa del credito perché pone un ulteriore rischio di cambio sul bilancio del settore pubblico”, hanno scritto gli analisti di Goldman Sachs.

“Un’inversione prolungata dell’USDTRY è improbabile fino a quando la direzione non continuerà a implementare l’aerodinamica”, ha affermato Mates.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *