La prossima mossa della Russia? Gli esperti potrebbero voler controllare le previsioni del tempo dell’Ucraina

Finora, questo inverno è stato insolitamente mite in gran parte dell’Ucraina. Mentre la CNN guidava dalla città portuale orientale di Mariupol a Zaporizhzia, nell’Ucraina centrale, il 1° febbraio, ha iniziato a piovere. L’autista scrollò le spalle incredulo. “Dovrebbe essere neve,” rise.

A Zaporizhzia, banchi di neve incrostata si stavano sciogliendo in un rivolo d’acqua marrone. Anche a mezzanotte, mentre un velo di nebbia si stendeva sul fiume Dnepr, la temperatura si aggirava intorno allo zero. Il nevischio si trasformò in pioggerella e ritorno.

Gli analisti militari stanno discutendo se una continuazione del mite inverno possa influenzare i piani per un’offensiva. Il Cremlino ha più volte negato di avere alcuna intenzione di attaccare l’Ucraina, ma più di 100.000 soldati russi sono radunati vicino ai confini dell’Ucraina, insieme ad armi pesanti, carri armati e missili balistici.

I video sui social media di diverse aree in cui sono schierate le forze russe – alcuni pubblicati dagli stessi soldati – mostrano un terreno soffice e allagato e molto fango.

I dati di Copernicus, il programma di osservazione della Terra dell’UE, mostrano che gran parte dell’Europa orientale ha registrato temperature ben al di sopra della media a gennaio. L’Ucraina ha visto temperature comprese tra 1 e 3 gradi Celsius superiori alla media degli ultimi 30 anni, uno dei tanti cambiamenti che la crisi climatica ha portato in questa regione.

Copernicus osserva inoltre che a gennaio “l’Europa orientale era prevalentemente più umida della media” e il suolo in Ucraina era più umido del normale. La combinazione significa meno gelo e più fango.

Non è una sorpresa per Svitlana Krakovska, capo del Laboratorio di climatologia applicata presso l’Istituto di idrometeorologia ucraino a Kiev.

“Quello che stiamo vedendo su una traiettoria a lungo termine è un numero inferiore di giorni con manto nevoso e notti di gelo. Qui vediamo sicuramente un riscaldamento molto più forte rispetto alla media globale”, ha detto alla CNN.

La valutazione degli Stati Uniti è che un’incursione russa sarebbe più facile se la temperatura scendesse.

“[Russian President Vladimir Putin] dovrà aspettare un po’ finché il terreno non sarà ghiacciato in modo da poter attraversare”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in una conferenza stampa il mese scorso.

READ  40 La migliore tagliaerba a mano del 2022 - Non acquistare una tagliaerba a mano finché non leggi QUESTO!

In un briefing del Pentagono alla fine di gennaio, il Presidente del Joint Chiefs of Staff, gen. Mark Milley, ha affermato che quando la “falda freatica alta” dell’Ucraina si blocca, “rende le condizioni ottimali per il tratto di fondo e la manovra dei veicoli su ruote”.

Funzionari statunitensi hanno detto che Putin avrebbe capito che ha bisogno di trasferirsi entro la fine di marzo.

Ma Dara Massicot, ricercatrice politica senior presso la RAND Corporation, afferma che “sebbene il terreno ghiacciato sarebbe un” bello da avere “per le forze russe, non è un fattore determinante. È importante tenere presente che i missili a guida di precisione e gli attacchi aerei . non sono influenzati da questo fattore. “

Le forze russe sono notevolmente migliorate nell’ultimo decennio, afferma Massicot. L’aviazione ha acquisito migliori obiettivi e comunicazioni e molti dei suoi piloti hanno acquisito esperienza di combattimento in Siria.

“I militari russi si allenano tutto l’anno, quindi hanno esperienza con diverse condizioni meteorologiche”.

I carri armati russi – centinaia dei quali ora si trovano alla portata del confine con l’Ucraina – non sono molto ostacolati dal terreno soffice, anche se probabilmente farebbero progressi più rapidi sul terreno ghiacciato.

Anche così, l’armatura si muove solo alla velocità della sua coda logistica, veicoli che potrebbero essere rallentati dal maltempo “se dovessero andare fuoristrada per qualche motivo”, afferma Massicot. Osserva che la Russia ha distribuito attrezzature logistiche avanzate per aiutare a superare tali problemi, inclusi veicoli di recupero e materiali di collegamento.

C’è un po’ di neve sul terreno a Mariupol, ma non così tanto come ci sarebbe stata decenni fa.

I ponti di barche sono stati osservati anche sui convogli ferroviari che viaggiano in Bielorussia dalla fine di gennaio.

Le condizioni del terreno contano più in alcuni luoghi che in altri. L’Ucraina orientale è un terreno agricolo ondulato, il paese ideale per i serbatoi. Ma il confine settentrionale con la Bielorussia include migliaia di miglia quadrate di paludi e paludi che impedirebbero una forza d’attacco (come fecero i nazisti nel 1941 durante l’operazione Barbarossa).

Secondo l’Institute for the Study of War, “Le paludi possono essere difficili, in alcuni punti probabilmente impossibili, per le forze meccanizzate da attraversare quando sono bagnate”.

READ  40 La migliore giochi per game boy advance del 2022 - Non acquistare una giochi per game boy advance finché non leggi QUESTO!

Molto dipende dal tipo e dalla portata delle operazioni militari che la Russia potrebbe avere in mente. Nelle prime fasi di un conflitto, gli attacchi aerei e missilistici sarebbero più importanti di un’ondata di unità meccanizzate.

“I cieli non sarebbero un fattore per la crociera guidata di precisione russa o per i missili balistici, o anche per alcuni dei loro più accurati sistemi di artiglieria a lungo raggio”, afferma Massicot, che in precedenza era un analista senior presso il Pentagono sull’esercito russo. “La copertura nuvolosa non è un fattore per posizioni fisse come strutture militari o comando e controllo dove sono note le coordinate”.

La Russia ha spostato un numero considerevole di missili balistici Iskander, che hanno una portata di circa 300 miglia (450 km) vicino all’Ucraina nell’ultimo mese.

A est, le posizioni in prima linea ucraine non si sono mosse per anni; missili e artiglieria a lungo raggio potrebbero bersagliarli indipendentemente dalle condizioni meteorologiche, forse fornendo un punto di svolta per l’armatura russa.

Gli aerei d’attacco, che avrebbero il compito di attaccare le unità ucraine in movimento, avrebbero bisogno di cieli relativamente sereni. Così sarebbero gli aerei per sganciare truppe d’assalto aereo nella zona di conflitto; Secondo l’analista della difesa Janes, “sono state identificate anche unità multiple di forze aviotrasportate (VDV) schierate in Bielorussia”.

Una base nuvolosa bassa ostacola le operazioni aeree e la ricognizione satellitare e potrebbe smussare la notevole superiorità aerea della Russia, rendendo quello che un analista militare ha definito “una lotta più equa”.

Ma è un’arma a doppio taglio. Una fitta copertura nuvolosa (e notturna) consentirebbe ai russi di spostare le truppe in avanti verso le linee di partenza senza essere rilevati dall’alto. Qualora il Cremlino decidesse di attaccare, sarebbe ottimale un periodo di maltempo seguito da cieli sereni una volta avviate le operazioni.

I cieli sarebbero importanti anche per gli ucraini. Se avessero optato per una difesa altamente manovrabile, avrebbero richiesto l’intelligence aerea fornita dagli Stati Uniti e dalla NATO per concentrare risorse limitate su punti chiave per smussare l’avanzata russa.

Naturalmente, le condizioni meteorologiche non sono solo – né la principale – considerazione per il Cremlino. Il progresso (o la mancanza) dei negoziati sulle richieste pubblicate dalla Russia inviate agli Stati Uniti e alla NATO sarà probabilmente il fattore decisivo. Escogitare una giustificazione – un casus belli – per andare in guerra fornirebbe un messaggio importante per un pubblico russo scettico. Dare forma alla guerra dell’informazione è una parte fondamentale della strategia russa.

Un clima che cambia

Krakovska, autore del rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici pubblicato lo scorso anno, afferma che esiste una chiara connessione tra il cambiamento climatico e gli inverni mutevoli dell’Ucraina.

Ciò è particolarmente pronunciato nell’Ucraina orientale, dove le temperature invernali sono in media di circa 3 gradi Celsius più calde rispetto agli anni ’60.

“Trent’anni fa avremmo avuto un manto nevoso, soprattutto in [eastern Ukraine]per almeno tre mesi della stagione fredda, e avremmo notti di gelo per circa cinque mesi”, ha detto Kralovska.

“Nel 2020 non abbiamo avuto un vero inverno, solo pochi giorni erano sotto zero e non abbiamo avuto molta neve, solo un po’”.

Il presidente russo Vladimir Putin era ambivalente riguardo al riscaldamento globale. Nel 2003, ha anche detto che “Forse il cambiamento climatico non è così grave in un paese così freddo come il nostro? 2-3 gradi non farebbero male”.

Più recentemente ha riconosciuto il danno che sta arrecando all’ambiente russo.

Ora potrebbe influenzare i calcoli dei suoi generali.

Il clima invernale in Ucraina può essere volubile, ma le prospettive per il resto di febbraio a Kiev sono più miti della media, dicono i meteorologi locali, con la maggior parte delle temperature diurne ben al di sopra dello zero e spruzzi di sole molto occasionali.

Timko, la marmotta ucraina, a quanto pare pensa che il fango di Rasputitsa potrebbe essere un po’ all’inizio di quest’anno. Non ha visto la sua ombra quando è uscito dal letargo la scorsa settimana.

Angela Dewan, Brandon Miller e Gianluca Mezzofiore della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.