La Russia chiede alla Cina assistenza militare nella guerra con l’Ucraina, affermano i funzionari statunitensi

La Russia ha chiesto sostegno alla Cina nel suo guerra contro l’Ucraina, secondo due funzionari statunitensi. La richiesta includeva aiuti e attrezzature militari, ma non è chiaro cosa abbia richiesto nello specifico Mosca.

Un funzionario statunitense ha dichiarato lunedì a CBS News che la richiesta del Cremlino a Pechino riguarda principalmente l’assistenza finanziaria, ma la Russia ha anche chiesto informazioni sui droni. I russi sembrano non aver previsto che loro o l’Ucraina avrebbero schierato droni in questo conflitto, motivo per cui hanno chiesto informazioni alla Cina, secondo il funzionario statunitense.

Gli ucraini hanno utilizzato droni, in particolare droni TB2 di fabbricazione turca, in modo abbastanza efficace, ha osservato lunedì un alto funzionario della difesa in un briefing di base. I droni sono usati sia per la ricognizione che per gli attacchi e sono stati particolarmente efficaci contro i movimenti di terra russi.

Gli ucraini hanno ancora una maggioranza significativa del loro inventario di droni, secondo il funzionario. Gli Stati Uniti stanno dialogando con alleati e partner che hanno capacità utili che gli Stati Uniti non hanno nel portare più di quelle armi agli ucraini.

A quasi tre settimane dalla sua invasione in Ucraina, la Russia è rimasta molto al di sotto dei progressi previsti dai leader russi, secondo funzionari della difesa e dell’intelligence. Il direttore della CIA William Burns ha detto al Congresso la scorsa settimana che il presidente russo Vladimir Putin aveva contato di “prendere Kiev entro i primi due giorni della campagna”.

Funzionari statunitensi affermano che le vittime della Russia variano da 5.000 a 9.000 uccisi in azione.

A questo punto il Cremlino si è impegnato Il 100% degli oltre 150.000 soldati si era pre-disposto intorno ai confini dell’Ucraina prima della sua invasione. Nonostante i numeri elevati, l’avanzata russa su Kiev da tre direzioni separate ha fatto progressi lenti verso la capitale ucraina, con giorni in cui le truppe rimangono bloccate e gli ucraini si trovano a bersaglio.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

La lenta avanzata potrebbe aver spinto la Russia a chiedere l’aiuto della Cina.


La Russia chiede assistenza militare alla Cina

02:21

Secondo i recenti del Pentagono Potenza militare cinese rapporto, gli acquisti militari della Cina dalla Russia includono caccia e missili terra-aria, e ha partecipato a esercitazioni di addestramento in Russia utilizzando attrezzature russe.

La Cina ha negato che la Russia abbia chiesto aiuti militari per la sua guerra in Ucraina.

“Gli Stati Uniti hanno diffuso maliziosamente disinformazione contro la Cina”, ha detto lunedì il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian in risposta al rapporto. “La posizione della Cina sulla questione ucraina è coerente e chiara. Abbiamo svolto un ruolo costruttivo nella promozione dei colloqui di pace”.

Anche il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha negato il rapporto, dicendo ai giornalisti che Mosca ha la possibilità di continuare un’operazione militare speciale in modo indipendente in Ucraina e non ha chiesto aiuto alla Cina.

“No”, ha detto Peskov ai giornalisti quando gli è stato chiesto se fosse vero che la Russia aveva chiesto assistenza militare alla Cina. “La Russia ha un potenziale indipendente per continuare l’operazione e, come abbiamo detto, si sta sviluppando secondo i piani e sarà completata in tempo e per intero”, ha affermato.

Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan si è recato a Roma lunedì per un incontro con Yang Jiechi, membro del Politburo del Partito Comunista Cinese e Direttore dell’Ufficio della Commissione Affari Esteri. L’incontro è stato descritto dal Consiglio di sicurezza nazionale come parte degli sforzi in corso per mantenere aperte le linee di comunicazione tra i paesi.

Un alto funzionario dell’amministrazione ha detto ai giornalisti che l’incontro tra Sullivan ei diplomatici cinesi “è stata un’intensa sessione di 7 ore”.

Nessun dettaglio è stato rivelato, ma il funzionario ha affermato che Sullivan è stato diretto sulle profonde preoccupazioni degli Stati Uniti sull’allineamento della Cina con la Russia in questo momento ed è stato chiaro sulle potenziali conseguenze di determinate azioni.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato lunedì che azioni come fornire assistenza militare o di altro tipo alla Russia porterebbero a conseguenze significative che gli Stati Uniti coordinerebbero con alleati e partner.

“Penso che ciò che abbiamo e ciò che è stato trasmesso dal consigliere per la sicurezza nazionale in questo incontro è che se forniscono assistenza militare o di altro tipo che ovviamente viola le sanzioni o sostiene lo sforzo bellico, ci saranno conseguenze significative”, ha detto Psaki.

Mary Ilyusina e Camilla Schick hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.