La Russia pone il veto alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza che denuncia l’invasione dell’Ucraina: NPR

La Russia è stato l’unico paese a porre il veto alla risoluzione non vincolante votata durante la riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di venerdì.

John Minchillo / AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

John Minchillo / AP


La Russia è stato l’unico paese a porre il veto alla risoluzione non vincolante votata durante la riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di venerdì.

John Minchillo / AP

La Russia venerdì ha posto il veto a una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che denunciava la sua invasione dell’Ucraina mentre Cina, India ed Emirati Arabi Uniti si sono astenuti dal voto.

I restanti 11 membri del consiglio hanno votato a favore, consentendo che la bozza di risoluzione fosse adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, composta da 193 membri.

“Puoi porre il veto a questa risoluzione ma non puoi porre il veto alle nostre voci”, ha detto l’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Linda Thomas Greenfield alla sua controparte russa e al consiglio.

Ha continuato: “Non puoi porre il veto alla verità. Non puoi porre il veto ai nostri principi. Non puoi porre il veto al popolo ucraino. Non puoi porre il veto alla Carta delle Nazioni Unite”.

Gli Stati Uniti hanno contribuito a redigere la risoluzione non vincolante e hanno chiesto un voto per mettere a verbale i membri del consiglio. Il schiacciante rifiuto dell’attacco del presidente russo Vladimir Putin al suo vicino – una democrazia sovrana – è un’altra mossa dei paesi occidentali e dei loro alleati per isolare ulteriormente politicamente la Russia.

READ  Entro il 2021, un gran numero di americani lascerà il lavoro

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha successivamente annunciato la nomina del sudanese Amin Awad come assistente segretario generale per servire come coordinatore delle crisi delle Nazioni Unite per l’Ucraina.

Awad è stato in precedenza il coordinatore regionale dei rifugiati delle Nazioni Unite per le situazioni in Siria e Iraq e direttore dell’Ufficio per il Medio Oriente e il Nord Africa presso l’Ufficio dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.