Le assunzioni diminuiscono quando i salari salgono a solo 199.000

L’economia degli Stati Uniti ha aggiunto molto meno lavoro del previsto a dicembre, poiché il paese è alle prese con una massiccia rivolta nei casi del governo, ha detto venerdì il dipartimento del lavoro.

I salari non agricoli sono cresciuti di 199.000 unità, mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 3,9%. Dati dell’Ufficio di statistica del lavoro. Dow Jones stima che gli stipendi siano 422.000 e il tasso di disoccupazione sia del 4,1%.

Il futuro del mercato azionario Il rapporto ha continuato a scendere, mentre i rendimenti obbligazionari sono stati ai massimi storici in mattinata nonostante fossero in territorio positivo.

La creazione di posti di lavoro è stata elevata nel tempo libero e nell’ospitalità, il principale settore della ripresa, aggiungendo 53.000 unità. L’industria e i servizi alle imprese hanno contribuito con 43.000 unità, la produzione con 26.000.

Il tasso di disoccupazione nel febbraio 2020 è stato il più basso in un nuovo periodo epidemico ed era vicino al 3,5%, il più basso in 50 anni. A causa dell’attuale carenza di manodopera negli Stati Uniti, il tasso di partecipazione alla forza lavoro è sceso al 61,9%.

Una misura più inclusiva della disoccupazione, che comprenda quella dei lavoratori motivati ​​e di coloro che svolgono lavori part-time per motivi economici, è scesa di 0,4 punti percentuali al 7,3%.

I guadagni orari medi sono aumentati più del previsto quando gli Stati Uniti registrano l’inflazione più rapida da quasi 40 anni. I salari sono aumentati dello 0,6% al mese e del 4,7% su base annua. Ciò si confronta con le rispettive stime dello 0,4% e del 4,2%.

READ  40 La migliore borsa frigo piccola del 2022 - Non acquistare una borsa frigo piccola finché non leggi QUESTO!

Sebbene l’indagine sull’establishment abbia mostrato guadagni di lavoro molto inferiori alle attese, la figura della famiglia con 651.000 guadagni ha raccontato una storia diversa. Ci sono state revisioni al rialzo nei mesi precedenti, con il numero di ottobre che è salito a 648.000, con un aumento di 102.000, mentre il deludente rapporto di novembre ha ricevuto 39.000 nella sua prima revisione e 249.000.

Prima dell’annuncio dell’epidemia, il livello di occupazione totale dal punto in cui si trovava a febbraio 2020 era ancora di 2,9 milioni immutato. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è di appena 1,5 punti percentuali, indicando un calo di quasi 2,3 milioni di lavoratori in quel periodo.

Edilizia (22.000), trasporti e magazzino (19.000) e commercio all’ingrosso (14.000) sono altri settori che vedono guadagni di posti di lavoro.

Con oltre mezzo milione di casi governativi al giorno, relativi alla variante Omigron, questi numeri stanno arrivando a un bivio per l’economia degli Stati Uniti poiché minaccia di fermare l’accelerata ripresa economica entro il 2022.

Nonostante il rallentamento della crescita durante l’estate, gli economisti si aspettano che la Fed di Atlanta cresca del 6,7% e il PIL cresca bruscamente entro la fine dell’anno. I funzionari della Federal Reserve stanno monitorando da vicino i dati.

La banca centrale ha indicato che gli aiuti all’economia inizieranno a rallentare dallo scoppio.

Il rapporto di venerdì copre una settimana, incluso il 12 dicembre, che precede lo scenario peggiore per Omigron Spike mentre inizia a muoversi verso il Natale.

Questa è una notizia dell’ultima ora. Tornate qui per controllare la presenza di aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *