L’Iowa e il New Hampshire potrebbero perdere i primi posti nel calendario delle primarie?

Per anni, i democratici dell’Iowa e del New Hampshire hanno combattuto le critiche di altri membri del partito che hanno sostenuto che i due stati non sono abbastanza diversi dal punto di vista razziale per dare il via al processo di nomina democratica.

Ma dopo un ciclo disastroso del 2020, in cui i funzionari dell’Iowa hanno lottato per tabulare i voti e nessuno dei due stati si è dimostrato predittivo della vittoria finale del presidente Biden, i leader democratici stanno esplorando con nuova urgenza se privare i due stati di quello che è stato un inestimabile diritto politico: il loro tradizionale appollaiato all’inizio del calendario presidenziale del partito.

Diverse idee dovrebbero essere ascoltate venerdì dal comitato per le regole e lo statuto del Comitato nazionale democratico, che governa il processo di nomina. Uno richiede un processo di candidatura per gli stati basato su diversi criteri, inclusa la diversità. Un’altra idea, sollevata in una riunione di gennaio, consoliderebbe tutti e quattro gli attuali stati a votazione anticipata – Iowa, New Hampshire, Carolina del Sud e Nevada – in un unico primo giorno di votazioni prima del Super Tuesday.

Il dibattito ha assunto nuova urgenza in risposta a un continuo battere di critiche da parte di attivisti, funzionari eletti e alcuni membri del comitato per le regole e lo statuto. Le preoccupazioni sollevate includono i timori che il sistema del caucus dell’Iowa priva dei diritti civili alcuni elettori e che né l’Iowa né il New Hampshire siano abbastanza diversi dal punto di vista razziale da fungere da sostituto della base elettorale democratica.

Nell’ultimo ciclo elettorale, le sfide logistiche, inclusi i voti in ritardo e i dati imprecisi, hanno anche messo in evidenza le carenze del processo di caucus dell’Iowa e hanno offuscato la sua capacità di nominare un vincitore.

READ  La tempesta invernale ha colpito la costa orientale, lasciando 200.000 senza elettricità

“Per me non si tratta di uno stato, non si tratta di punire”, ha affermato Mo Elleithee, ex portavoce del Comitato nazionale democratico e di Hillary Clinton che fa parte del comitato per le regole e lo statuto.

“Abbiamo la possibilità di mostrare i nostri valori nel nostro processo”, ha affermato il Sig. disse Elleitée. “Diversità, inclusione e, dato che il compito del DNC è quello di eleggere i democratici, mettendo il nostro popolo di fronte a quanti più stati possibili”.

Ai membri della commissione per le regole e lo statuto, molti dei quali non hanno risposto alle richieste di commento, è stato detto di aspettarsi di lavorare sulla questione per tutta l’estate con l’intenzione di fissare un calendario fisso per le nomine entro l’autunno.

“Non siamo vicini a prendere una decisione”, ha detto Donna Brazile, ex presidente del Comitato nazionale democratico che fa anche parte della commissione per le regole e lo statuto. Venerdì, ha detto, “iniziamo la conversazione”.

A gennaio, nel corso di una riunione virtuale dello stesso organismo, il sig. Elleithee e altri hanno sostenuto la necessità di rivedere il calendario delle nomine e sono stati accolti con relativamente pochi respingimenti, cosa che alcuni membri hanno interpretato come un segno che anche le delegazioni dell’Iowa e del New Hampshire hanno riconosciuto che qualche cambiamento potrebbe essere inevitabile.

I funzionari statali dell’Iowa e del New Hampshire hanno resistito ferocemente alle precedenti proposte di declassare il loro primato nel calendario delle nomine del partito, mettendo pubblicamente e privatamente gli alleati dalla loro parte, ma non hanno ancora iniziato a farlo, secondo i membri del comitato. Tuttavia, hanno affermato che qualsiasi modifica al sistema dovrebbe dimostrare il riconoscimento da parte del partito dell’importanza degli stati più piccoli e degli elettori rurali.

READ  Patriots a Goldscore: annunci in diretta, risultati, statistiche di gioco, momenti salienti, TV, streaming della partita NFL di sabato

Scott Brennan, uno dell’Iowan che fa parte del comitato per le regole e lo statuto, non ha risposto a una richiesta di commento, ma dopo l’incontro di gennaio ha affermato che lo status di piccolo stato dell’Iowa ha consentito ai politici che rompono le barriere di prosperare.

“Barack Obama è stato in grado di venire in Iowa, il poco conosciuto senatore dell’Illinois, e alla fine è diventato il candidato”, ha affermato Mr. disse allora Brennan.

Sig. Brennan ha anche fatto riferimento a Pete Buttigieg, l’ex sindaco di South Bend, Ind., che ora è il segretario dei trasporti. Quando i caucus dell’Iowa sono stati infine tabulati nel 2020, Mr. Buttigieg è diventato il primo candidato apertamente gay a vincere una primaria presidenziale o un caucus, con una vittoria di misura sul senatore Bernie Sanders del Vermont.

“Gente del genere ha la possibilità di brillare davvero”, Mr. disse Brennan. “Se l’Iowa non è il primo nel processo, penso che vada via”.

SM. Brazile, che nel 2000 è diventata la prima donna di colore a dirigere un’importante campagna presidenziale, ha affermato che il partito ha beneficiato quando stati come il Nevada e la Carolina del Sud sono stati aggiunti al programma delle prime nomine per migliorare la rappresentanza degli elettori neri e latini.

“È molto importante che il nostro calendario principale rifletta questi valori”, ha affermato la Sig. Brazile ha detto alla riunione del comitato per le regole e lo statuto a gennaio. “Dobbiamo ringraziare la Carolina del Sud e il Nevada per averci dato candidati di qualità nel corso degli anni. Quella diversità ha innalzato il partito e anche i valori che deteniamo come cittadini americani “.

READ  1 donna uccisa, un'altra ferita in un attacco di animali in Florida

I precedenti sforzi per modificare il calendario delle nomine per ridurre al minimo l’importanza dell’Iowa e del New Hampshire hanno incontrato blocchi politici. Funzionari eletti ambiziosi, spesso attenti al prossimo ciclo presidenziale, hanno cercato di evitare di turbare i funzionari statali dell’Iowa e del New Hampshire, che storicamente hanno protetto il loro status di primi nella nazione con estrema urgenza. I presidenti si sono spesso sentiti in debito con gli elettori di quegli stati, reprimendo le critiche prima che raggiungessero i livelli più alti del partito.

Ma il sig. Biden non ha tale obbligo. Nel 2020, è diventato il primo democratico dai tempi di Bill Clinton nel 1992 a vincere la nomination presidenziale del partito senza vincere né in Iowa né nel New Hampshire. La notte delle primarie del New Hampshire – dove il sig. Biden è arrivato quinto: è fuggito nella Carolina del Sud e ha discusso contro l’importanza dell’Iowa e del New Hampshire, sottolineando la carenza di elettori neri in quegli stati come motivo per cui i risultati dovrebbero essere minimizzati.

“Stasera ho appena sentito parlare dei primi due stati, non di tutta la nazione”, ha detto il sig. Biden ha detto in quel momento. “Finora non abbiamo avuto notizie dal collegio elettorale più impegnato nel Partito Democratico: la comunità afroamericana”.

Ha continuato a vincere le primarie della Carolina del Sud in modo schiacciante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.