Nessun progresso sul cessate il fuoco in Ucraina nei colloqui di Lavrov – Kuleba

  • Lavrov dice che la Russia non vuole mai più dipendere dall’Occidente
  • Dice che Putin non rifiuterebbe l’incontro con Zelenskiy
  • Kuleba dice che la situazione più difficile a Mariupol
  • L’incontro in Turchia è stato il primo colloquio ad alto livello tra di loro

ANTALYA, Turchia, 10 marzo (Reuters) – Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha affermato che non sono stati compiuti progressi per raggiungere un cessate il fuoco in Ucraina nei colloqui con il suo omologo russo Sergei Lavrov giovedì, i primi colloqui ad alto livello tra loro da quando Mosca ha invaso il suo vicino .

Kuleba ha detto ai giornalisti dopo il loro incontro in Turchia che la situazione più critica era nel porto meridionale di Mariupol, ma che Lavrov non si era impegnato in un corridoio umanitario lì e non c’erano progressi nell’accordo su un cessate il fuoco più ampio.

“Ho fatto una semplice proposta al ministro Lavrov: posso chiamare ora i miei ministri, autorità e presidente ucraini e darvi garanzie al 100% sulle garanzie di sicurezza per i corridoi umanitari”, ha affermato.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“Gli ho chiesto ‘puoi fare lo stesso?’ e non ha risposto».

In una conferenza stampa separata, Lavrov ha detto che il presidente Vladimir Putin non avrebbe rifiutato un incontro con il suo omologo ucraino Volodymyr Zelenskiy per discutere di questioni “specifiche”.

La Russia non vuole mai più dipendere dagli stati o dalle società occidentali, ha detto Lavrov, aggiungendo che l’Occidente stava usando l’Ucraina per indebolire la Russia e stava creando una situazione pericolosa nella regione che sarebbe durata per molti anni.

READ  40 La migliore phon da viaggio del 2022 - Non acquistare una phon da viaggio finché non leggi QUESTO!

Rispondendo alla condanna di Kiev dell’attentato di mercoledì a un ospedale per la maternità a Mariupol, Lavrov ha affermato che l’edificio non era più utilizzato come ospedale ed era stato occupato dalle forze ucraine, sebbene il Cremlino abbia affermato separatamente che l’incidente è oggetto di indagine.

L’invasione russa ha sradicato più di 2 milioni di persone in quella che le Nazioni Unite definiscono la più rapida crisi umanitaria in Europa dalla seconda guerra mondiale. Per saperne di più

Mosca ha affermato che tutte le sue richieste – incluso che Kiev prenda una posizione neutrale e abbandoni le aspirazioni di entrare nell’alleanza NATO – devono essere soddisfatte per porre fine al suo assalto.

Mosca definisce la sua incursione una “operazione militare speciale” per disarmare l’Ucraina e cacciare i leader che chiama “neo-nazisti”. Kiev ei suoi alleati occidentali lo respingono come pretesto infondato per una guerra non provocata contro un paese democratico di 44 milioni di persone.

La Turchia, che condivide un confine marittimo con la Russia e l’Ucraina nel Mar Nero e ha buoni legami con entrambe, ha definito inaccettabile l’invasione russa e ha fatto appello per un cessate il fuoco urgente, ma si è opposta alle sanzioni contro Mosca.

Pur stringendo stretti legami con la Russia in materia di energia, difesa e commercio e facendo molto affidamento sui turisti russi, la Turchia ha anche venduto droni all’Ucraina, facendo arrabbiare Mosca.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Guy Faulconbridge a Londra, Can Sezer, Birsen Altayli e Daren Butler a Istanbul; Montaggio di Jonathan Spicer, Cynthia Osterman, Dominic Evans e Tomasz Janowski

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Il capo allenatore di football dell'UH si è dimesso tra le accuse di aver creato un ambiente tossico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *