Olimpiadi in diretta: il conteggio delle medaglie, solitamente prevedibile ai Giochi invernali, è più aperto del solito

Credito…Gabriela Bhaskar / Il New York Times

Chloe Kim lo ha fatto di nuovo, salendo a un’altra medaglia d’oro olimpica nell’halfpipe.

Proprio come ha fatto quattro anni fa, giovedì ha aperto la competizione ottenendo un punteggio che nessuno poteva superare. Anche Kim lo sapeva. Quando arrivò in fondo alla sua prima corsa, si portò le mani alla testa, cadde in ginocchio per la gioia e rise, come se avesse scioccato anche se stessa.

La performance è arrivata dopo un riscaldamento insolitamente brutto, in cui Kim ha lottato per ottenere la sua routine principale. I suoi allenatori hanno detto che stava combattendo contro i nervi. Kim ha detto di essere arrivata in finale “in uno strano spazio mentale”.

Il suo sfogo in fondo era un misto di gioia e sollievo.

“Ero tipo, non voglio sentire tutta questa pressione di non essere in grado di atterrare la mia prima corsa di sicurezza”, ha detto. “Quindi ero traboccante di emozione quando sono riuscito ad atterrare al primo colpo.”

Kim è stato premiato con un punteggio intoccabile di 94. Queralt Castellet, spagnolo, ha guadagnato la medaglia d’argento e Sena Tomita, giapponese, ha vinto il bronzo, senza che nessuno dei due avesse seriamente minacciato le prestazioni di Kim.

Kim ha cercato di aumentare il grado di difficoltà nelle sue ultime due corse, come aveva fatto quattro anni fa. È caduta entrambe le volte. Non importava. La gara finì quasi con la stessa rapidità con cui era iniziata.

READ  Il presidente delle Olimpiadi-CIO Bach, turbato dal crollo di Valieva, colpisce l'entourage

“Non per scartare nessuno di questi corridori, ma ha un sacco di trucchi che nessun altro fa”, ha detto l’allenatore di lunga data di Kim, Rick Bower. “E lo ha mostrato nella sua prima corsa”. La vittoria sembrava non un’incoronazione per Kim, che ora ha 21 anni, ma una sorta di ritorno personale. La domanda persistente mentre si allontanava era cosa succede dopo.

Quattro anni fa, Kim è arrivata alle Olimpiadi del 2018 ed è atterrata nell’abbraccio di una calda folla sudcoreana, una famiglia amorevole e una celebrità istantanea. Aveva 17 anni. Sembrava tutto così facile.

La finale olimpica dell’halfpipe del 2022 non ha avuto nulla di tutto ciò, tranne che nel pipe stesso. Non c’era folla a causa della pandemia. La sua famiglia non ha partecipato. E Kim ora ha 21 anni.

Questo è un tempo diverso e un Kim diverso.

Credito…Gabriela Bhaskar / Il New York Times

Il attenzioni dall’ultima vittoria olimpica e alcune cattiverie, anche all’interno dei circoli dello snowboard, l’ha quasi cacciata dallo sport. Non ha indossato uno snowboard per 22 mesi, è andata al college a Princeton e ha comprato una casa. È cresciuta diventando una persona più complicata dell’innamorata americana dello snowboard.

Si è ributtata nel ciclo olimpico, un po’ con riluttanza. Era ancora la migliore del mondo, con poche controversie. Kim non aveva gareggiato molto da quando era tornata sul circuito un anno fa, il che avrebbe potuto dare alla sua competizione qualche speranza che fosse arrugginita, ma aveva vinto tutto ciò a cui aveva partecipato.

READ  Classifica 2022 WM Phoenix Open: aggiornamenti in tempo reale, copertura completa, risultati del golf nel round 3 di sabato

Kim è cresciuta da quando aveva 17 anni: un po’ più cauta, un po’ più indipendente, un po’ più diffidente nei confronti della celebrità che deriva da ogni sorriso e corsa quasi perfetta. Ha detto che questa volta era più preparata per l’ondata di attenzioni.

“Ora che sono cresciuta un po’ di più e capisco i limiti, e ho un terapista straordinario, penso che stia rendendo il viaggio molto più fattibile per me”, ha detto.

Ha contemplato la pensione quattro anni fa. Bower ha ammesso che non è fuori dal regno delle possibilità che Kim scivoli via dalle competizioni di snowboard per sempre.

È diventata professionista all’età di 13 anni e ha trascorso la sua adolescenza nel mondo di clausura dello snowboard. Era fin troppo limitante per Kim, a cui piace volare libero, che ha un rapporto riluttante con la fama e le aspettative degli altri.

Ecco perché ha trascorso gran parte del tempo da quando ha vinto la sua prima medaglia d’oro cercando di diventare qualcosa di diverso da uno snowboarder.

Almeno per un giorno in più, ha dimostrato che nessuno può farcela meglio nell’halfpipe. Era lei al comando e nessun altro poteva avvicinarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.