Olimpiadi in diretta: notizie da Pechino e aggiornamenti sul conteggio delle medaglie

Credito…Gabriela Bhaskar / Il New York Times

Dopo più di una settimana di gare su percorsi fiancheggiati da neve artificiale, la neve effettiva e il vento forte hanno costretto il rinvio o l’annullamento di almeno tre eventi olimpici di domenica, poiché le raffiche di neve hanno ricoperto i percorsi e le strade scivolose hanno reso difficile raggiungerli.

Sì, le Olimpiadi invernali possono essere troppo invernali, anche a Pechino e nei suoi dintorni, una regione che ha poca neve naturale e che fino a quel momento ne aveva visto a malapena una spolverata durante i Giochi.

Una nevicata costante iniziata sabato si è intensificata domenica a Zhangjiakou, una città a circa 100 miglia a nord-ovest della capitale cinese che ospita alcuni eventi di sci e snowboard. Una nevicata costante è caduta anche a Pechino e Yanqing, patria degli sport di scivolamento e dello sci alpino. Alcuni degli eventi, tra cui lo sci alpino e il biathlon, si sono svolti in condizioni di scarsa visibilità, con gli sciatori che si precipitavano (e in quest’ultimo caso sparavano) attraverso le raffiche.

Alcuni atleti sembravano persino prosperare in esso. Marte Olsbu Roeiseland ha vinto la sua terza medaglia d’oro alle Olimpiadi di Pechino e la quarta medaglia assoluta nella gara di inseguimento di 10 chilometri di biathlon femminile. E il francese Quentin Fillon Maillet ha vinto il suo secondo oro ai Giochi nella corrispondente gara maschile, l’inseguimento di 12,5 chilometri, colpendo tutti e 20 i suoi bersagli nonostante il vento ululante.

READ  40 La migliore aspirapolvere lervia del 2022 - Non acquistare una aspirapolvere lervia finché non leggi QUESTO!

Alla pari del Roeiseland, Fillon Maillet ha ora quattro medaglie complessive – due d’oro e due d’argento – a Pechino, una in più del fondista russo Alexander Bolshunov, che ha collezionato la sua terza quando la sua squadra ha vinto la staffetta 4×10 maschile.

La neve ha rallentato la gara, soprattutto sulle gambe classiche, dove i concorrenti devono tenere gli sci dritti e in pista. I soffiatori di foglie sono stati utilizzati per rimuovere la neve che cadeva dalle piste da sci durante l’evento, che si è concluso con più di 20 minuti di ritardo rispetto al tempo vincente alle Olimpiadi di Pyeongchang 2018.

Altri eventi all’aperto hanno semplicemente preso il giorno libero. La gara di slopestyle femminile, in cui la 18enne cinese Eileen Gu è stata la favorita, ha avuto il suo turno di qualificazione riprogrammato per lunedì dopo essere stato inizialmente ritardato di due ore; anche le qualificazioni aeree femminili sono state rinviate. A slopestyle, i lavoratori avevano utilizzato pale, scope e ventilatori sul percorso per evitare che la neve si accumulasse sugli ostacoli e sui salti.

Annullata anche la seconda manche di allenamento della discesa libera femminile. E gli autobus che trasportavano i visitatori olimpici dovevano mettere le catene ai pneumatici.

I siti olimpici outdoor – compresi quelli per lo sci alpino, lo sci di fondo, l’halfpipe e il salto con gli sci – si sono affidati grandi dosi di neve artificiale. In molti modi, gli organizzatori preferiscono la neve artificiale, perché possono controllarla. Quando Madre Natura viene coinvolta, tutti i piani vengono annullati.

La regione avrebbe dovuto ottenere da due a quattro pollici di neve entro domenica notte. Secondo l’Osservatorio meteorologico centrale, per gran parte della domenica era in vigore un avviso di bufera di neve per il distretto di Chongli a Zhangjiakou. Anche a Pechino era in vigore un avviso di bufera di neve.

READ  Entrambe le partite di Natale hanno importanti implicazioni per i playoff

Domenica è stata la quinta nevicata invernale a Pechino, che è la stagione secca a Pechino e Zhangjiakou.

“Finalmente ci si sente come le Olimpiadi invernali”, ha detto domenica Chris Plys della squadra di curling statunitense su Twitter. Ha condiviso un video della nevicata di domenica, aggiungendo l’hashtag #letitsnow.

Pechino, una città povera d’acqua, ha fatto di tutto per garantire che ci fosse abbastanza neve per sostenere la sua corsa come sede delle Olimpiadi invernali. Ciò significava intraprendere uno dei più vaste operazioni di innevamento nella storia dei Giochi. Lo sforzo erculeo includeva l’allagamento del letto di un fiume prosciugato, la deviazione dell’acqua da un importante bacino idrico che rifornisce Pechino e il reinsediamento di centinaia di contadini e delle loro famiglie, che vivevano in quella che oggi è l’area della competizione, in appartamenti a molti piani.

Negli ultimi decenni, il rapido sviluppo ha intaccato le falde acquifere di Pechino. Luglio e agosto portano spesso forti piogge, ma la città e le montagne vicine ottengono solo piogge sparse in inverno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *