San Pietro completa l’enorme marzo Madness sconvolto, lo sbalorditivo n. Kentucky a 2 semi

Il no. I Kentucky Wildcats a 2 teste di serie sono stati sbalorditi dal n. 15 teste di serie Saint Peter’s, battuta 85-79 ai tempi supplementari a Indianapolis.

Daryl Banks III ha segnato 27 punti quando la piccola scuola del New Jersey ha sbalordito una delle squadre di basket universitarie più affermate negli Stati Uniti, rivendicando la sua prima vittoria in un torneo NCAA maschile nella storia del programma.

Il Kentucky detiene i record NCAA per il maggior numero di presenze in tornei maschili, la maggior parte delle partite giocate e la maggior parte delle vittorie.

Ma di fronte alla sfida simile a quella di Golia, San Pietro non si è inchinato sotto pressione, tirando fuori lo sbalorditivo sconvolgimento e rompendo parentesi in tutto il mondo.

“È enorme. Mettendo Jersey City sulla mappa, nel New Jersey, veniamo da un piccolo stato”, ha detto in seguito Banks. “Probabilmente, molte persone probabilmente non sanno nemmeno chi siamo. È enorme per la nostra scuola e per tutti a casa”.

Oscar Tshiebwe ha segnato 30 punti e 16 rimbalzi per il Kentucky, ma i tiri liberi di Banks a 1:45 dalla fine dei tempi supplementari hanno dato ai Peacocks il vantaggio e non lo hanno ceduto con il passare del tempo.

La panchina dei Wildcats reagisce nel tempo supplementare contro i Pavoni di San Pietro.

Per evidenziare l’abisso di esperienza tra le due squadre, il Saint Peter’s ha collezionato la metà delle presenze nei tornei NCAA (quattro) rispetto ai titoli nazionali del Kentucky (otto).

I Pavoni, provenienti da un ateneo di appena 2.637 studenti, passano ora ai sedicesimi di finale.

Il testamento di San Pietro ora dovrà affrontare il n. 7 Murray State, che avanza battendo il n. 10 San Francisco 92-87 in OT. È la 21a vittoria consecutiva dei Racers, la serie attiva più lunga nella Divisione I maschile.

READ  Patriots a Goldscore: annunci in diretta, risultati, statistiche di gioco, momenti salienti, TV, streaming della partita NFL di sabato

“Nessuna mancanza di rispetto per nessuno, ma non stavamo venendo qui solo per perdere. Siamo venuti qui per combattere e l’abbiamo fatto”, ha detto l’allenatore del Saint Peter Shaheen Holloway nel post-partita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.