Stati Uniti e Canada avvertono del colpo economico delle proteste dei camionisti

  • Stati Uniti e Canada al lavoro per reindirizzare il traffico
  • Proteste Copycat in Australia, Nuova Zelanda e Francia
  • Ford sospende la produzione in un sito, riduce il programma in un altro
  • Progressi in una zona, altra protesta altrove: ministro

WINDSOR / OTTAWA / WASHINGTON, 9 febbraio (Reuters) – I camionisti contrari ai mandati del coronavirus rischiano di danneggiare il settore automobilistico e l’agricoltura bloccando i valichi di frontiera USA-Canada, ha affermato mercoledì la Casa Bianca mentre Ford ha interrotto alcune produzioni e Ottawa ha esortato a porre fine a le proteste di 13 giorni.

Molti paesi occidentali stanchi della pandemia segneranno presto due anni di restrizioni mentre le proteste imitative si diffondono in Australia, Nuova Zelanda e Francia ora che la variante altamente contagiosa dell’Omicron inizia ad allentarsi in alcuni luoghi.

Le proteste a tutto volume hanno causato un blocco nella capitale Ottawa dalla fine di gennaio e da lunedì sera i camionisti hanno chiuso il traffico in entrata del Canada presso l’Ambassador Bridge, una via di rifornimento per le case automobilistiche e i prodotti agricoli di Detroit.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

La produzione è stata influenzata presso Ford Motor Co. (FN) e Stellantis, produttore di Chrysler (STLA.MI).

Un altro valico di frontiera, nella provincia dell’Alberta, è stato chiuso in entrambe le direzioni dalla fine di martedì.

Iniziando come un “Convoglio della libertà” che occupa il centro di Ottawa, opponendosi a un mandato di vaccinazione o quarantena per i camionisti transfrontalieri rispecchiato dal governo degli Stati Uniti, i manifestanti hanno anche presentato lamentele su una tassa sul carbonio e altre leggi.

“Penso che sia importante per tutti in Canada e negli Stati Uniti capire quale sia l’impatto di questo blocco – il potenziale impatto – sui lavoratori, sulla catena di approvvigionamento, ed è qui che siamo più concentrati”, il portavoce della Casa Bianca Jen Psaki detto mercoledì.

READ  40 La migliore uova sode in microonde del 2022 - Non acquistare una uova sode in microonde finché non leggi QUESTO!

“Stiamo anche cercando di tracciare potenziali interruzioni delle esportazioni agricole statunitensi dal Michigan al Canada”.

Washington sta lavorando con le autorità oltre confine per reindirizzare il traffico al Blue Water Bridge, che collega Port Huron nel Michigan con Sarnia in Ontario, tra le preoccupazioni che le proteste potrebbero diventare violente, ha detto ai giornalisti.

Il governatore della Bank of Canada Tiff Macklem ha chiesto una rapida risoluzione.

“Se ci fossero blocchi prolungati nei punti chiave di ingresso in Canada, ciò potrebbe iniziare ad avere un impatto misurabile sull’attività economica”, ha affermato.

“Abbiamo già una catena di approvvigionamento globale tesa. Non ne abbiamo bisogno”.

LE PROTESTE SI DIffondono

Le proteste stavano interrompendo anche i posti di lavoro e “devono finire prima che si verifichino ulteriori danni”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro canadese per la preparazione alle emergenze, Bill Blair.

La chiusura del ponte ha già causato una carenza di parti nello stabilimento di assemblaggio della casa automobilistica Stellantis a Windsor, in Ontario, dove costruisce veicoli Chrysler.

La società ha detto che avrebbe dovuto terminare i turni in anticipo martedì, ma l’impianto è stato in grado di riprendere la produzione mercoledì mattina.

Ford ha sospeso la produzione di motori a Windsor mentre il suo stabilimento di Oakville vicino a Toronto sta operando con un programma ridotto, poiché ha avvertito che la chiusura del ponte Ambassador “potrebbe avere un impatto diffuso su tutte le case automobilistiche negli Stati Uniti e in Canada”. Per saperne di più

READ  40 La migliore cric a pantografo per suv del 2022 - Non acquistare una cric a pantografo per suv finché non leggi QUESTO!

Anche l’industria automobilistica sta lottando con la mancanza di chip semiconduttori in tutto il mondo.

I manifestanti affermano di essere pacifici, ma alcuni residenti di Ottawa hanno affermato di essere stati attaccati e molestati. A Toronto le strade sono state bloccate.

“Continuiamo a sapere che le regole e le linee guida della scienza e della salute pubblica sono il modo migliore per questa pandemia è il modo in cui andremo dall’altra parte”, ha affermato il primo ministro Justin Trudeau.

La questione ha causato una forte spaccatura tra i liberali al potere e i conservatori dell’opposizione, molti dei quali hanno espresso aperto sostegno ai manifestanti a Ottawa e accusano Trudeau di utilizzare la questione dei mandati per scopi politici.

Negli Stati Uniti, i pubblici ministeri del Missouri e del Texas indagheranno il servizio di crowdfunding GoFundMe sulla decisione di rimuovere una pagina per una campagna a sostegno dei conducenti dopo che alcuni repubblicani hanno promesso di indagare.

I residenti del centro di Ottawa hanno criticato la polizia per il loro atteggiamento inizialmente permissivo nei confronti del blocco, ma le autorità hanno iniziato a cercare di riprendere il controllo domenica notte con il sequestro di migliaia di litri di carburante e la rimozione di un’autocisterna.

La polizia ha chiesto rinforzi – sia ufficiali che persone con esperienza legale in assicurazioni e licenze – suggerendo l’intenzione di perseguire l’applicazione attraverso le patenti di veicoli commerciali.

Ma mentre le autorità tentano di reprimere le manifestazioni in un’area, si verificano altrove.

“Anche se abbiamo fatto progressi a Ottawa, abbiamo visto emergere un blocco illegale a Windsor”, ha affermato il ministro della Pubblica Sicurezza Marco Mendicino.

Reportage di Carlos Osorio a Windsor, Blair Gable a Ottawa e Jarrett Renshaw a Washington; servizi aggiuntivi di Anna Mehler Paperny, Steve Scherer e David Ljunggren a Ottawa, Ismail Shakil e Kanishka Singh a Bengaluru, Ben Klayman a Detroit e Doina Chiacu e David Shepardson a Washington; scrittura di Denny Thomas e Costas Pitas; Montaggio di Lisa Shumaker e Grant McCool

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *