Stati Uniti ed alleati europei discutono di vietare le importazioni di petrolio russo

WASHINGTON, 7 marzo (Reuters) – Gli Stati Uniti e gli alleati europei stanno valutando il divieto delle importazioni di petrolio russo, ha affermato domenica il segretario di Stato americano Antony Blinken, e la Casa Bianca si è coordinata con i principali comitati del Congresso portando avanti il ​​proprio divieto.

L’Europa fa affidamento sulla Russia per il petrolio greggio e il gas naturale, ma è diventata più aperta all’idea di vietare i prodotti russi nelle ultime 24 ore, ha detto domenica a Reuters una fonte che conosce le discussioni.

Nel frattempo, la presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha anche affermato in una lettera domenicale che la camera sta “esplorando” la legislazione per vietare l’importazione di petrolio russo e che il Congresso intende emanare questa settimana $ 10 miliardi di aiuti per l’Ucraina in risposta all’esercito di Mosca invasione del suo vicino. Per saperne di più

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

La Casa Bianca sta anche parlando con la Commissione Finanze del Senato e la Commissione Modi e Mezzi della Camera dei Rappresentanti di un potenziale divieto, ha affermato la fonte.

Tuttavia, Blinken ha anche sottolineato l’importanza di mantenere forniture di petrolio stabili a livello globale.

“Siamo ora in discussioni molto attive con i nostri partner europei sul divieto di importazione di petrolio russo nei nostri paesi, mentre ovviamente, allo stesso tempo, manteniamo una fornitura globale costante di petrolio”, ha detto Blinken in un’intervista a “Meet la stampa “mostra.

Blinken, che è in viaggio attraverso l’Europa per coordinare con gli alleati la risposta all’invasione russa dell’Ucraina, ha anche affermato di aver discusso sabato delle importazioni di petrolio con il presidente Joe Biden e il suo gabinetto. Per saperne di più

READ  40 La migliore doccia portatile del 2022 - Non acquistare una doccia portatile finché non leggi QUESTO!

Il Giappone, che conta la Russia come il suo quinto fornitore di petrolio greggio, è anche in discussione con gli Stati Uniti e i paesi europei sulla possibilità di vietare le importazioni di petrolio russo, ha riferito Kyodo News lunedì. Per saperne di più

Alla domanda su un potenziale embargo sulle importazioni di petrolio russe in una conferenza stampa regolare lunedì, il principale portavoce del governo giapponese Hirokazu Matsuno ha rifiutato di commentare la sua comunicazione con gli Stati Uniti.

I prezzi del petrolio sono aumentati vertiginosamente nell’ultima settimana dopo che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno sanzionato la Russia per l’invasione.

Giovedì un gruppo bipartisan di senatori statunitensi ha presentato un disegno di legge per vietare le importazioni statunitensi di petrolio russo. Il disegno di legge sta diventando accelerato e alla fine potrebbe diventare il veicolo per le sanzioni.

Dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, la Casa Bianca ha sanzionato le esportazioni di tecnologie verso le raffinerie russe e il gasdotto Nord Stream 2, che non è mai stato lanciato.

Finora, ha smesso di prendere di mira le esportazioni di petrolio e gas della Russia poiché l’amministrazione Biden valuta gli impatti sui mercati petroliferi globali e sui prezzi dell’energia negli Stati Uniti.

Alla domanda se gli Stati Uniti abbiano escluso il divieto unilaterale delle importazioni russe di petrolio, Blinken ha detto: “Non escluderò di agire in un modo o nell’altro, indipendentemente da ciò che fanno, ma tutto ciò che abbiamo fatto, l’approccio inizia con coordinandosi con alleati e partner”, ha detto Blinken.

Ha detto che c’erano una serie di misure aggiuntive che gli Stati Uniti stavano esaminando per aumentare la pressione sulla Russia, ma non ha fornito alcun dettaglio su quali sarebbero state le nuove misure.

READ  40 La migliore armadio cucina frigorifero incasso del 2022 - Non acquistare una armadio cucina frigorifero incasso finché non leggi QUESTO!

Gli americani sono di gran lunga i consumatori di benzina più pesanti al mondo, grazie alle grandi automobili, alle lunghe distanze in auto e ai pochi mezzi pubblici in molte aree. L’aumento dei prezzi del gas è stato tradizionalmente un veleno politico per i leader statunitensi.

La media nazionale degli Stati Uniti per un gallone di benzina ha raggiunto $ 4,009 domenica, il livello più alto da luglio 2008, secondo AAA. I consumatori pagano in media 40 centesimi in più rispetto a una settimana fa e 57 centesimi in più rispetto a un mese fa.

Secondo l’Energy Information Administration (EIA), gli Stati Uniti hanno importato in media più di 20,4 milioni di barili di greggio e prodotti raffinati al mese nel 2021 dalla Russia, circa l’8% delle importazioni statunitensi di combustibili liquidi.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporti di Humeyra Pamuk e Jarrett Renshaw; Segnalazione aggiuntiva di Ju-min Park a Tokyo; Montaggio di Lisa Shumaker, Mark Porter e Diane Craft

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *